I Comuni della Provincia di Palermo: ALIA

Alia è un comune di 4.184 abitanti della provincia di Palermo, facente parte della Diocesi di Cefalù e dell'unione Valle del Torto e dei Feudi.

Storia



Il primo insediamento nel luogo dove nascerà Alia si ha durante la dominazione araba. In quello che è il feudo di Lalia, nascono i casali di Yhale', Gurfa, Ottumarrano e Kharse. Nel 1296 viene annotato il casale di Yhale' nel censo dei feudatari. Nel 1366 Rainaldo Crispo da Messina acquisisce il casale, l'abitato si svuota e rimane solo il feudo. Nel 1408 il feudo di Lalia ricomincia ad essere abitato. Nel 1537 Vincenzo Imbarbara s'investe del feudo di Lalia. Nel 1568 Giovanni Crispo e Villarant, barone di Prizzi, s'investe del feudo di Lalia. Nel 1600 Pietro Celestri, marchese di Santa Croce, s'investe del feudo di Lalia. Nel 1617 Donna Francesca Cifuentes, ormai vedova del Celestri, diventa baronessa di Lalia, ottenendo dal re spagnolo Filippo III la concessione di colonizzare il feudo, edificare case, carceri, chiese, nominare il castellano, il capitano, il giudice e altri ufficiali. Nasce il comune di Alia. Nel 1820 scoppia un'insurrezione carbonara contro i borboni con assalto alla casa del giudice distrettuale e rogo dei documenti notarili. Nel 1848 scoppia un'altra insurrezione popolare contro i borbonici. Vengono bruciati i documenti di legge. Nel 1857 ai Celestri succede il principe di Sant'Elia. Nel 1860 prendendo parte ai moti per la riunificazione dell'Italia, anche ad Alia sventola il tricolore italiano. Nella cappella di Santa Rosalia (detta "la nica") viene rappresentata la santa con in mano una bandiera tricolore. Nel 1862, esattamente il 2 agosto, giungeva ad Alia, e vi pernottava, Giuseppe Garibaldi.


Grotte della Gurfa


Si tratta di un complesso rupestre artificiale realizzato scavando una rupe di arenaria rossa. Si trovano a circa 4 km dall'abitato e costituiscono un'attrazione turistica notevole. Le Grotte della Gurfa sono composte da 6 camere (da cui deriva il nome, dal termine arabo Ghurfa che significa camera) articolate su due piani. La camera maggiore a forma di campana (tholos) è illuminata dall'alto da un oculo circolare. Resta controversa la datazione e l'attribuzione dell'intero complesso. La ipotesi più affidabili datano, almeno parte del complesso, all'età del rame.


Santuario - Parrocchia Maria SS. delle Grazie
Ad Alia vi è anche un Santuario dedicato a Maria SS. delle Grazie (probabilmente dedicatole per grazia ricevuta) costruito tra il 1630 e il 1639. L'edificio era previsto a tre navate e con due campanili, ma per mancanza di fondi fu costruita solo la navata centrale e un campanile, quella di sinistra nel 1900 e l'altra nel 1960. Sotto il coro della navata centrale fu costruita una cripta, ora chiusa, dove vennero seppelliti donna Francesca Cifuentes e il figlio Giovanni Battista Celestri. La festa della Patrona si festeggia il 2 luglio, attirando, oltre che molti fedeli, anche moltissimi emigrati che per l'occasione ritornano al paese natìo. Gli emigrati negli USA hanno fatto costruire una copia identica al simulacro conservato in Alia e la festeggiano anch'essi, impossibilitati a partecipare in Alia, con molta fede e devozione.


Opere rilevanti:
* Ignoto, Assunta, secolo XVIII, olio su tela, cm 275x178. * Giambecchina, Crocifissione, 1988, olio su tela, cm 236x228. * Totò Bonanno, Giuditta ed Oloferne, 1983, affresco, diametro cm. 250. * Ignoto, simulacro "Maria SS. delle Grazie", 1833-34, legno dipinto, h. cm 160.



Parrocchia Sant'Anna
Sorge in Via Garibaldi. L'edificio, a croce latina, è passato attraverso numerose modifiche. L'edificio sorse nelle vicinanze di una edicola votiva dedicata alla Santa. La prima fase della costruzione è stata completata nel 1762, per volontà del sacerdote don Luciano Cardinale, e la chiesa fu per molto tempo destinata alla sepoltura. Ai primi dell'800, ci fu un intervento sulla facciata e sul campanile arabo-ispanico, che costutuisce una grande ricchezza per la parrocchia: è composto da mosaici colorati, tipico di molte chiese barocche siciliane. Nella chiesa si trova il monumento funebre di Benedetto Guccione.



Opere rilevanti:


* Ignoto, Immacolata Concezione, XVIII secolo, olio su tela, cm 170x92. * Benedetto Civiletti, Madonna Addolorata, fine XIX secolo, legno policromo, h. cm 165. * Rosario Bagnasco, San Francesco di Paola, fine secolo XIX, legno policromo, h. cm 170



Chiesa di Santa Rosalia


Sorge in Piazza Santa Rosalia, dove anticamente vi era una cappella votiva di ringraziamento per la peste scampata del 1624. Poiché la cappella originaria fu danneggiata a causa di una frana nel 1901, il Cav. Gioacchino Guccione e molti emigrati aliesi riedificarono la chiesa nelle forme attuali. L'edificio è a pianta ottagonale e la facciata a sesto acuto.



Opere rilevanti:


* Ignoto, simulacro Santa Rosalia, XVIII secolo, legno policromo, altezza 1, 65.



Chiesa di San Giuseppe



Sorge in Via Garibaldi, nelle adiacenze del municipio.



Altre Chiese



Inoltre ad Alia sono presenti, la cappella di Santa Rosalia detta 'a nica, il Calvario. Un'altra chiesa, in fase di costruzione, sarà dedicata a Maria SS. Assunta, nel villaggio "Chianchitelle", un borgo vicino al paese.



Archi del quartiere Sant'Anna



Sono legati alla potenza della famiglia Guccione. Nel 1852 don Benedetto Guccione e don Filippo Guccione fecero costruire questi archi sopra una pubblica strada allo scopo di mettere in collegamento le loro case e disporre di qualche vano in più. La tradizione vuole che siano stati costruiti di notte a lume delle torce perché il regolamento comunale ne impediva la realizzazione. Gli archi sono di asse curvilinea e realizzati in mattoni di cotto.



Palazzo Guccione



Nella piazza principale, dirimpetto alla chiesa Madre, sorge, su quello che era l'antico palazzo baronale, il palazzo Guccione. L'edificio risale al XIX secolo e fu fatto costruire dall'omonima famiglia, una delle più facoltose di Alia, in stile eclettico con forti riferimenti al Liberty siciliano della scuola di Ernesto Basile. Le balconate dei due ordini superiori presentano inferriate in ferro fuso a motivi fitomorfi di una certa rigidità vicina agli stilemi ottocenteschi; l'ingresso principale presenta un portale con coronamento in ferro battuto e due colonne con capitelli corinzi. L'edificio è sormontato da un belvedere. Di rilievo la decorazione a motivi geometrici sul soffitto del salone al primo piano, mentre le pareti sono a stucco lucido ad imitazione di varie qualità di marmo, ed il pavimento è di mattonelle in cemento colorato; i vetri sono policromi e decorati con lo stemma della famiglia. Le porte e gli infissi sono ispirati dagli stilemi modernisti elaborati da Basile per il mobilificio Ducrot di Palermo.



Musei



Museo Antropologico



È situato all'ingresso del paese, nel "Camposanto Vecchio". Nel 1996 sono ritrovati resti umani risalenti alle vittime del colera del 1837. Sono state oggetto di studio diretto dall'Università di Firenze, nel progetto "Alia-Trinacria", equipe guidata dal professore Brunetto Chiarelli, titolare della cattedra di antropologia dell'Università di Firenze e dal professor Goffredo Cognetti, titolare della cattedra di biologia della Facoltà di Scienze Naturali e Biologiche dell'Università di Palermo.



Museo Etnoantropologico



Si trova in Via San Giuseppe, è dedicato alla cultura materiale di Alia. È stato allestito dall'Istituto di Antropologia Culturale dell'Università di Palermo. Espone attrezzi ed utensili in uso nei secoli scorsi e nel nostro secolo per la lavorazione del ferro, del grano, alla cura del bestiame, alle creazioni artigianali, alla lavorazione dei prodotti caseari.



Istituti Religiosi


Ad Alia è presente la congregazione delle Suore Maestre di Santa Dorotea, figlie dei Sacri Cuori dal 1889.



Confraternite


* Maria SS. delle Grazie - presso la chiesa Madre * SS. Sacramento - presso la chiesa Madre * Maria SS. dei Sette dolori - presso la chiesa Sant'Anna * Opera Santa - presso la chiesa San Giuseppe



Associazioni di volontariato


* Misericordia Alia * Dayita ONLUS * Azione Cattolica. * Azione Cattolica Ragazzi. * A.C.L (Associazione Cattolica Lavoratori, ex A.C.L. I. ) * A. S. A. (Associazione Sportiva Alia) * Pro-Alia * Associazione Itaca ONLUS



Istruzione


In Alia è presente:


* Scuola Materna. * Scuola Primaria "Francesco Orestano" * Scuola secondaria di primo grado * Scuola secondaria di secondo grado, Istituto Tecnico Commerciale



Sport


Ad Alia, per lungo tempo, hanno giocato, prevalentemente nel campionato di terza categoria, le squadre dell'A.S.A. (Associazione Sportiva Alia, colori bianco-blu) e del Pro Alia (colori bianco-rosso). Nell'estate del 1976 la squadra di Alia, formata da giovani nati o residenti nel comune, vinceva il combattuto Torneo delle Madonie.



Quartieri


* Rabbatieddu: Parte superiore del paese. * Cozzu di Pippa: Parte centrale e storica del paese. * A Funtanedda: Parte inferiore del paese.



Feste - Ricorrenze - Tradizioni


* 19 marzo: Festa in onore di San Giuseppe * 2 luglio: Festa patronale in onore di Maria SS. delle Grazie. * in luglio: Festa in onore di San Pio. * prima domenica di agosto: Festa in onore della Madonna di mezz'agosto. * 16 agosto: festa in onore di Sant'Anna. * 4 settembre: festa in onore di Santa Rosalia. * Domenica vicina all'8 settembre: festa in onore della Madonna dell'Oratorio. * 20-21 settembre: festa in onore della Madonna Addolorata. (Chiesa S.Anna) * Venerdì Santo: Processione con Gesù morto (Chiesa Madre) e Madonna Addolorata (Chiesa San Giuseppe). * Corpus Domini: Processione per le vie del Paese. * Notte di Natale: tradizionale falò nella gradinata della Chiesa Madre (la vampa). * 1-15 agosto: nelle strade del paese, quindicina in onore della Madonna Assunta. * I Virginieddi, nella ricorrenza di San Giuseppe.



Vie di comunicazione


Alia dispone di una stazione ferroviaria. (Vedi Stazione di Roccapalumba-Alia)



Curiosità


L'appellativo di Alia è "Città Giardino".



Cittadini illustri


Francesco Orestano



Amministrazione comunale


Sindaco: Francesco Todaro dal 14/05/2007 Centralino del comune: 091 8210911



Bibliografia


Eugenio Guccione, Storia di Alia, Salvatore Sciascia editore, Caltanissetta.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.