Toni: «Mi intriga il Palermo»


CERVIA (RAVENNA), 11 luglio - ­«Riconquistare la Germa­nia»: lo slogan che ha fatto da leit motiv ieri a Cervia, dove Luca Toni è stato in­vestito ufficialmente del ruolo di testimonial della regione Emilia Romagna sul mercato tedesco per i prossimi tre anni. Un volto per il turismo, anche per­ché Toni è tra i proprieta­ri (assieme ai colleghi Do­ni e Santoni) dello stabili­mento balneare Figli del Sole di Cervia, dove si è svolto l'happening organiz­zato da Studio Sorato.LA SPAGNA HA MERITATO - «Riconquistare la Ger­mania» , punta alla ricon­quista del titolo tedesco con il suo Bayern, Luca Toni. Un anno dopo la fir­ma per il Bayern è un pro­dotto d'esportazione. «Devo dire che mi diver­te, io qui in Riviera venivo da bambino e vengo ades­so. L'Emilia è la mia ter­ra». Lei la Ger­mania l'ha già conqui­stata: a Ber­lino, due an­ni fa in az­zurro, poi col Bayern. «Col Ba­yern sono stato fortunato: la squadra era fortissima. E ai tedeschi piace sentir­si un po' italiani, perché siamo ospitali e originali». E perché stavolta, agli Europei, hanno fatto peg­gio: «Da Campioni del Mon­do era lecito aspettarsi di più. Siamo usciti contro la Nazionale che ha vinto, ai rigori. Ma gli spagnoli me­ritavano». Che ne dice del Lippi bis?: «Che, se davvero era ne­cessario sostituire Dona­doni, Lippi era la scelta più naturale, perché è ri­spettato da tutti».L'ANNO DI GILARDINO - A proposito di Europa, per lei sarà Champions. «Con il Bayern cerchere­mo di andare il più avanti possibile». E la «sua» Fiorentina? «Mi sembra stia co­struendo una squadra mol­to interessante. Qualche mese fa speravo ci sarem­mo affrontati nella finale di Uefa: ce la siamo tirata, l'eliminazione, forse en­trambi eravamo troppo si­curi». Gilardino in viola? «Aveva bisogno di cam­biare aria, dopo un anno strano nel quale aveva an­che perso la Nazionale. Ha fatto benissimo ad andare da Prandelli. Sarà l’anno del suo rilancio». Viola da scudetto? «Credo sia ancora di­stante. Vie­ne da un 4 ° posto, l'obiettivo può essere l'accesso di­retto alla Cham­pions». Il Palermo ha perso Zaccardo e Bar­zagli, che l'hanno raggiun­ta in Germania, ma al Wol­fsburg . «I rosanero sono una squadra nuova anche in at­tacco, mi incuriosisce. A Zaccardo ho parlato, lui e Barzagli faranno bene».

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.