PALERMO:DA LUNEDI' SCATTANO LE TARGHE ALTERNE.

Palermo, 22 novembre 2008.

Entrerà in vigore lunedì 24 novembre il provvedimento di limitazione della circolazione veicolare adottato dall'Amministrazione comunale. La nuova misura antismog sarà applicata nell'area interna al perimetro composto da: piazza Giulio Cesare, corso Tukory, piazza San Francesco Saverio, via Forlanini, via Cadorna, prosecuzione della via Albergheria in adiacenza all'ingresso principale dell'ospedale Di Cristina, piazza Porta Montalto, via dei Benedettini, corso Re Ruggero, piazza Indipendenza, corso Calatafimi, corso Vittorio Emanuele, via Matteo Bonello, via Papireto, corso Finocchiaro Aprile, piazza Sacro Cuore, piazza Principe di Camporeale, via Serradifalco, piazza Ottavio Ziino, piazza Malaspina, via Principe di Palagonia, piazza Armstrong, via Liszt, via Zappalà, viale Lazio, via Restivo, via De Gasperi, piazza Giovanni Paolo II, via Cassarà, viale del Fante, piazza Leoni, piazza Don Bosco, via Sampolo, piazza Caponnetto (limitatamente al ramo che unisce via Scampolo al Piano dell'Ucciardone), via Piano dell'Ucciardone, via Crispi, via Cala, Foro Umberto I, via Lincoln, piazza Giulio Cesare. All'interno di quest'area, i veicoli con omologazione antismog Euro 0, 1, 2 e 3 potranno circolare a targhe alterne dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30. L'ordinanza firmata dal Sindaco prevede che nei giorni dispari del calendario potranno circolare veicoli con ultimo numero di targa dispari e negli altri quelli con ultimo numero di targa pari. I veicoli classe Euro 0, 1, 2 e 3 non potranno, invece, circolare dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 9.30 e dalle 18.30 alle 20.30, fasce orarie in cui si registrano le più alte concentrazioni di inquinanti. Queste limitazioni, comunque, non saranno in vigore il sabato, la domenica e nei giorni festivi. Inoltre, saranno percorribili tutti i giorni senza limitazioni le strade che compongono il perimetro dell'area. I divieti previsti non si applicano ai veicoli con omologazione antismog Euro 4 o superiore. Circolazione libera anche per gli autoveicoli alimentati a metano o a gpl (in regola con il controllo dei gas di scarico), ibridi o elettrici. Inoltre, in deroga al divieto, ma sempre a condizione che siano in regola con il controllo dei gas di scarico, potranno circolare i velocipedi, motoveicoli e ciclomotori catalizzati ai sensi della direttiva 97/24/CE (Euro 1) e quelli a quattro tempi, le vetture (fornite di bollino blu) con disabile a bordo titolare del contrassegno originale che dovrà essere regolarmente esposto; i veicoli di: Prefettura, Polizia, Carabinieri, Vigili Urbani, Esercito, Protezione civile, Vigili del fuoco, Croce rossa, ambulanze, corpi consolari e rappresentanze diplomatiche purché almeno Euro 3; veicoli di soccorso e assistenza al servizio dei mezzi di trasporto pubblico. Deroghe al divieto sono previste anche: per gli autobus (urbani ed extraurbani) che svolgono il servizio di trasporto pubblico e per i taxi e le vetture a noleggio con conducente (in regola con il controllo dei gas di scarico); per le auto di pubblici e privati in servizio di reperibilità che svolgono funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità che risultano individuabili o con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro (per esempio chi si occupa di servizi di manutenzione o emergenza come luce, gas, acqua, sistemi informatici, impianti di sollevamento o termici, soccorso stradale, distribuzione carburanti, raccolta rifiuti, distribuzione farmaci, alimenti deperibili e pasti per il servizio mensa, mezzi di informazione); per autoveicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indifferibili ed indispensabili per la cura di malattie gravi, in grado di esibire la certificazione medica ed in regola con il controllo dei gas di scarico. Potranno circolare anche i mezzi utilizzati per matrimoni e funerali (dotati di bollino blu). Per il controllo sul rispetto della nuova misura antismog, il sindaco Diego Cammarata ha disposto il presidio stabile dei vigili urbani in 36 punti specificamente individuati, con l'impiego di 72 agenti nel turno della mattina e altrettanti in quello del pomeriggio. Il comando di via Dogali, inoltre, attiverà fino a nove unità mobili per ciascun turno che si occuperanno della vigilanza dinamica. Una tabella composita di 1 metro per 60 centimetri, montata su palo, segnalerà agli automobilisti, in ognuno degli oltre cento varchi d'ingresso che si trovano lungo il perimetro, l'inizio dell'area che sarà sottoposta alla circolazione a targhe alterne. Per agevolare gli spostamenti in città e i collegamenti con l'area interessata dalle limitazioni al transito, sono state potenziate le linee bus del trasporto pubblico, con la modifica o l'ampliamento di alcuni percorsi e l'utilizzo di dodici vetture in più per aumentare la frequenza di passaggio. Il piano predisposto dall'Amat incrementa, innanzitutto, le linee da e per il parcheggio d'interscambio di via Ernesto Basile, dove con 3 Euro gli utenti possono parcheggiare l'auto e acquisire un biglietto di durata giornaliera per spostarsi in autobus. Alle linee 108, 305 e 368, già attive tra il parcheggio e le zone Indipendenza/stadio, Indipendenza/Bonagia e Politeama/ospedale Civico e stadio, si aggiungono la 318 e la 234 per la Stazione centrale. Potenziate anche le linee 164 e 118 che uniscono il parcheggio di viale Francia a piazza Indipendenza e al Politeama. Confermate le linee che dal parcheggio di piazza John Lennon (ex Giotto) portano alla Stazione centrale (la numero 102), a piazza Indipendenza (la 110) e al Politeama (la 134). Aumenta anche la frequenza delle linee 104 (Indipendenza-Politeama-Duca della Verdura), 107 (Stadio-Roma-Stazione centrale), 227 (Messina Marine-Stazione centrale), 702 (Borgo Nuovo-Croci), 675 (quartiere San Giovanni Apostolo-viale del Fante) e 824 (Brancaccio-Sturzo). Variazioni ai tracciati del 475 (Zisa-Camporeale), che si allunga fino al Politeama, e del 106 (Zisa-Sturzo), che passa anche dallo stadio.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.