TRIS ROSANERO LA VETRINA E' PER KJAER.

Palermo, 02 Novembre 2008.

Il Palermo vince la sua quinta gara stagionale fra le mure amiche battendo uno sfortunato Chievo Verona per ben 3 reti a 0.

Molte le occasioni da goal da una parte e dall'altra. E' il Palermo, comunque, che fa la differenza segnando tre delle occasioni da goal che gli capitano nel primo tempo, giocato dai rosanero su buoni ritmi. Il Chievo Verona, a mio avviso, non meritava una così pesante sconfitta in considerazione del fatto che i veneti avevano colpito nel primo tempo un palo e una traversa e nella ripresa Bogdani, su cross,spediva la palla sul palo destro della porta di Fontana.

Al ventiduesimo, a seguito di un cross proveniente dalla destra della porta dell' estremo difensore gialloblu, veniva atterrato in area di rigore il giovane Kjaer, sino a quel momento strepitoso, dimostrando al pubblico amico tutto il suo valore sfiorando, fra l' altro, il goal con un bel colpo di testa al terzo minuto del primo tempo. L' arbitro assegnava il calcio di rigore a favore del Palermo. Fabrizio Miccoli non sbagliava dagli undici metri segnando il suo sesto goal stagionale.

Il Chievo Verona alla prima rete dei rosanero reagisce con veemenza colpendo pochi minuti dopo un palo e una traversa, rispettivamente con Pellissier e Yepes.

Minuti di alta intensità, con un paio di pericoli scampati, ma l'importante è che adesso il risultato sorride ai rosanero. Ancora Chievo pericoloso con un colpo di testa di Pellissier e parata a terra da Fontana. Adesso tutte e due le squadre vogliono dare un ritmo diverso alla gara, con il Palermo che agisce nel tentativo di chiudere la partita. E' tuttavia la giornata di Kjaer che al 38' sugli sviluppi di un calcio d'angolo fulmina Sorrentino con un piattone di sinistro al volo.

Allo scadere del tempo Cavani in contropiede, solo, sciupa l'occasione della terza marcatura mandando a lato con Sorrentino ormai certo di essere di nuovo trafitto. Ma dopo una nuova straordinaria ripartenza di Miccoli, Cavani si riscatta servito alla perfezione da Miccoli, battendo Sorrentino per la terza volta. In pratica il replay dell'azione di prima, ora più preciso. Si va negli spogliatoi con i rosa che hanno la vittoria in tasca. Ad inizio di ripresa Ballardini e Iachini presentano gli stessi effettivi della prima frazione di gioco. Ma la ripresa inizia con una nota stonata in casa Palermo con Bresciano che per un fallo su Bentivoglio rimedia la seconda ammonizione e viene mandato via dal campo da Mazzoleni. Ci prova Marcolini al 4' su punizione dalla trequarti del Palermo con la sfera che si spegne sul fondo. I gialloblu cercano di rientrare in partita e ci provano con un colpo di testa di Pellissier che non porta frutti.

La prima mossa della partita è di Iachini che inserisce Iunco al posto di Patrascu. I clivensi con il nuovo ingresso posizione quattro attaccanti sulla linea difensiva del Palermo. Palla gol per i veneti con un tiro di Scardina che mette i brividi a Fontana, con il pallone che sfiora il secondo palo dell'estremo rosanero. Al 16' Bogdani prende la traversa con un colpo di testa su calcio d'angolo, ma è tutto inutile perchè Mazzoleni aveva già fermato il gioco. Iachini mette dentro Pinzi al posto di Marcolini. Al 24' Mazzoleni sventola il giallo per Carrozzieri che così salterà per squalifica la prossima gara di Torino contro i granata. L'ultima carta di Iahini è l'ingresso di Esposito al posto di Luciano, ma sembra che la partita sia nettamente in mano ai rosa malgrado l'inferiorità numerica. Un plauso va a Nocerino protagonista di una straordinaria gara, supportato perfettamente da Migliaccio e Simplicio in giornata di grazia. Ballardini al minuto 32 opera la prima sostituzione: esce Carrozzieri applauditissimo ed entra Dellafiore. Poi ancora una mossa un paio di minuti più tardi Budan al posto di Miccoli ed in mezzo il quarto gol sprecato in contropiede da Cavani.

Su buon lavoro di Esposito sulla destra, di testa Bogdani sfiora il gol della bandiera. E' l'ex cagliaritano che dal suo ingresso ha dato vitalità alla sua squadra. C'è spazio nel finale per Tedesco che ha preso il posto di Simplicio. I minuti trascorrono ed il Palermo traghetta verso una nuova vittoria. Per saperne di più...

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.