Palermo vs Milan


02 Dicembre 2008.


Una partita perfetta, fatta di grinta, entusiasmo, pressing e volontà. Il più bel Palermo della stagione domenica scorsa ha battuto 3-1 il Milan, davanti ad un pubblico impazzito di gioia. Amelia, Miccoli, Cavani, Simplicio i grandi protagonisti della serata. Il portiere nel primo tempo ha parato un rigore a Ronaldinho. Gli altri hanno bucato Abbiati. Ma con loro, onestamente, il resto della squadra, compresi Kajer, Guana e Succi entrati al tramonto della partita. Tutti bravi i ragazzi di Ballardini, da Carrozzieri muro gigantesco davanti le linee del Milan, fino a Bresciano, Balzaretti, Cassani, tutti i rosanero. E' stato anche il trionfo di Davide Ballardini. Il gol della bandiera del Milan firmata da Dinho su rigore. E' stata una serata straordinaria che il popolo rosanero difficilmente riuscirà a dimenticare. Il Milan non ha mai fatto paura al Palermo, costretto quasi sempre a difendersi sotto i colpi dei rosanero. La prima emozione della partita la regala Miccoli dopo una manciata di secondi dall'inizio con un bel tiro che scalda i guantoni di Abbiati. E' ancora Miccoli protagonista, il fantasista viene fallosamente fermato da Bonera, prima dell'ingresso in area, ma l'arbitro Rocchi giudica regolare l'intervento del milanista. Qualche dubbio su questa decisione. La pressione dei rosanero tiene distante la formazione rossonera dalle parti di Amelia, insomma, inizio confortante per la nostra squadra. La prima vera palla gol è del Palermo con una bella iniziativa Miccoli-Carrozzieri che mette i brividi ad Abbiati. Al 9' Miccoli ingrana la quinta e fugge via lungo la fascia sinistra, buon passaggio per Bresciano al vertice dell'area avversaria, ma l'australiano perde la coordinazione per il controllo. Il Milan tenta di non farsi schiacciare troppo e cerca di scavalcare la regnatela del centrocampo palermitano giocando sulle fasce. Su cross di Zambrotta gira bene di testa Pato ma fortunatamente la sfera no inquadra lo specchio della porta difesa da Amelia. Da una distrazione della difesa rosa, Pato al 16' scaglia un missile da pochi passi da Amelia con spaziale deviazione in angolo del nostro portiere. Immediata la risposta del Palermo, gran tiro rasoterra dai 25 metri di Miccoli e Abbiati si distende sulla sua sinistra deviando in angolo. Dal tiro dalla bandierina ci prova Bresciano e ancora Ambrosini che di testa mette in angolo. Il Palermo c'è e la gente del Barbera si galvanizza. Al 20' miracolo Abbiati su precisa sassata di Miccoli che aveva battezzato l'angolo sinistro della sua porta. Il tiro del salentino è arrivato al termine di una gradevole azione costruita da Liverani. Adesso il Palermo diverte e il Milan soffre l'esuberanza dei ragazzi di Ballardini. Spettacolare al 24' un cross di Cavani dalla trequarti con Miccoli che viene anticipato di un soffio da Bonera. Due minuti più tardi, Cavani si divora il gol appoggiando su Abbiati, forse in posizione di fuorigioco. Nella ripartenza del Milan, Amelia atterra fuori area Pato in contropiede ma Rocchi concede il calcio di rigore. Dagli undici metri batte Ronaldinho ma il signor Amelia si distende sulla sinistra e mette in calcio d'angolo. Bellissimo, pubblico in visibilio che esulta forse meglio di un gol. Nel Milan si fa male Pato ed è costretto ad uscire dal terreno di gioco con Inzaghi al suo posto. E' una partita bellissima, vibrante con il Palermo sempre protagonista. Gli avanti del Milan hanno grandi difficoltà a penetrare in avanti anche per la serata di grande vena della difesa palermitana. Occasionissima al 40' per il Palermo: Simplicio riesce a servire dentro per Miccoli che perde l'attimo giusto per calciare in porta anticipato da Zambrotta. Il Palermo non smette mai di giocare ed il Milan è in grande difficoltà. Ancora Miccoli al 43' ma il tiro, corpo all'indietro, si spegne alto sopra la traversa di Abbiati. L'ultimo sussulto del primo tempo lo regala Ronaldinho che al 49' su punizione spizzica la traversa della porta di Amelia. Si va negli spogliatoi. Nella ripresa, Ballardini e Ancelotti ripresentano gli identi effettivi della prima frazione di gioco. Intervento a cinque stelle subito all'inizio di Bovo che toglie il tempo ad Inzaghi su cross dalla destra di Jankulovski. Buon corridoio al 5' di Simplicio per Cavani con provvidenziale uscita di Abbiati. Questo è il segno che il Palermo ha iniziato la ripresa come aveva chiuso il primo tempo. Detto, fatto. Al 5' i rosa passano in vantaggio con uno straordinario gol dal limite di Fabrizio Miccoli che ha beffato Abbiati con un destro a girare. Spettacolare, ragazzi. Tutto il Barbera è in piedi ad applaudire il gol del nostro fantasista. I rosa insistono, Liverani ha la squadra in mano e l'accende come non mai. Ci prova Noverino dalla distanza, para Abbiati senza troppi problemi. L'importante è tenere il Milan distante, non dargli la possibilità di scaricare la rabbia per lo svantaggio. Ancelotti decide al 12' di operare un doppio cambio: Shevchenko prende il posto di Ambrosini e Emerson rileva Flamini. Adesso è un Milan da battaglia che tenterà il tutto per tutto. Subito occasione per l'ucraino, fermato in fuorigioco. Ma non c' tempo per le speranze del Milan perchè al minuto 14' Cavani uccella Abbiati con un bel colpo di testa su cross di Liverani. El Matador piazza il pallone dove l'estremo rossonero non può arrivare, ma ragazzi cosa ha fatto il nostro Capitano. Il Barbera è in visibilio, forse il Milan in ginocchio. 20' minuto, ancora protagonista Amelia che si distende a femare una gran punizione di Pirlo. Cinque minuti più tardi è ancora Palermo: Bovo avanza in avanti, passaggio per Miccoli, sponda per Simplicio dal limite con Abbiati che respinge corto e lo stesso Bovo, rimasto nei pressi, non riesce nel tapin vincente. Bravo, nella ripartenza del Milan, ancora Amelia ad uscire sicuro tra i piedi di Sheva. Il Palermo non concede metri al Milan e i minuti trascorrono. Il Palermo continua a dare spettacolo in mezzo al campo e gli sforzi del Milan si infrangono sul monumentale Carrozzieri, leader della difesa. La gioia popolare espolde definitivamente al 34' per il terzo gol del Palermo. Bovo recupera palla a metà campo, servizio per Miccoli che passa a Balzaretti, corsa verso il fondo, cross e vola in aria Simplicio a beffare di nuovo Abbiati. Al 36' Rocchi concede il rigore per fallo di Bovo su Dinho. Batte lo stesso brasiliano e stavolta Amelia non compie il miracolo. Adesso il parziale è di 3-1 per noi. Si dovrà soffrire perchè è ipotizzabile il tutto per tutto della squadra di Ancelotti. Ancora Amelia sugli scudi al 41' che a mani aperte dice no a Zambrotta. Ballardini mette dentro Kjaer al posto di Miccoli e per lu i il pubblico del Barbera s'alza in piedi. Ormai la partita volge al termine, per il Milan gli ultimi respiri. Amelia è bravo su Seedorf. Saranno tre i minuti di recupero. Esce Simplicio ed entra Guana. Poi entra Succi al posto di Cavani.Non succede più nulla. Fischia Rocchi. Ragazzi abbiamo vinto con una partita perfetta. Fantastici ragazzi.




I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.