Natale; I bambini preferiscono i videogiochi e gli amici virtuali.

Roma, 21 dic. (Apcom) - I giochi tradizionali? Piacciono, ma solo se "trasformati" in videogame. Il Natale 2008 sarà infatti ricordato come uno dei più "digitali" di sempre, tanto che nelle preferenze dei bambini i personaggi dei videogiochi hanno superato gli eroi di cartoon e telefilm. I nuovi oggetti e giochi del desiderio, sia a livello italiano che internazionale sono console e videogiochi, che quest'anno per la prima volta non sono solo nelle letterine dei bambini, ma anche in quelle scritte dalle bambine. E' quanto emerge da uno studio promosso da Meta Comunicazione, condotto su 200 genitori di bambini e bambine tra i 5 e i 12 anni, intervistati sui desideri espressi dai loro bambini in occasione de natale. In moltissimi, secondo i genitori intervistati, hanno chiesto le raccolte di film e telefilm in Dvd. Solo il 18% dei genitori si sono visti chiedere giochi tradizionali, mentre per i più grandicelli e soprattutto per le più grandicelle al fianco dei videogame sembrano esserci telefonini (28%), lettori musicali (23%) e capi d'abbigliamento. E proprio dalle richieste dei bambini emergono i nuovi personaggi-simbolo del 2009: a dominare soprattutto gli amici virtuali che nascono dai videogiochi (64%), che hanno ormai superato per popolarità i personaggi dei cartoni animati (58%). Terzo posto per i protagonisti di film e telefilm pensati ad hoc per loro (41%). E, al posto del pelouche o della Barbie, i nuovi amici dei bambini sono quelli virtuali, come il robottino protagonista di Wall-e, seguito dai "mostriciattoli" di Sspore, il videogioco-evento creato da Will Wright, che hanno ormai mandato in pensione anche i Pokemon. Al femminile, il fenomeno dell'anno è sicuramente Giulia, protagonista della serie di videogiochi Giulia Passione, che in pochissimo tempo ha venduto più di 5 milioni di copie, dando del filo da torcere persino al fenomeno delle Winx. Console e videogiochi, secondo i dati, hanno fatto registrare nel 2008 un + 30% nei dati di vendita. Numero confermati dai genitori intervistati: il 53% infatti dice che sempre più spesso, non solo in occasione del Natale, la richiesta di giochi da parte dei figli è rivolta al mondo dei videogame. E a sorpresa questo non vale solo per i genitori dei maschietti: ben il 39% dei papà o delle mamme delle bambine anno detto che per il natale 2008 le loro figlie vogliono dei videogame. Di fatto i videogiochi sembrano essere il "media" che maggiormente influenza la fantasia dei bambini, come conferma il 64% degli intervistati, seguiti dalla Tv, che comunque esercita una grandissima attrattiva con cartoni animati, film e serie pensate per i più piccoli (58%), mentre al terzo posto c'è il cinema, con i grandi film di animazione o con i film evento come High School Musical (41%). E i libri? Rispetto al recente passato sembrano essere tornati un po' in auge (29%), soprattutto grazie a storie pensate per loro e tradotte i film, come Harry Potter e le Cronache di Narnia. Nella top ten dei regali più richiesti a babbo natale per i più piccoli subito dopo i videogiochi ci sono pupazzi e giocattoli legati alle serie di cartoon di maggior successo (41%), seguiti (36%) da film in Dvd dei grandi successi (in primis i vari High School Musical). Per i più grandicelli, al fianco di videogiochi e film, non mancano telefonini (28%), lettori musicali (23%) e capi d'abbigliamento (14%). E i giochi tradizionali che fino hanno fatto? Di fatto vengono richiesti da pochissimi bambini, come conferma il 18% degli intervistati.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.

Il Barocco e il Serpotta.