Calcio/Palermo: Palermo 1 - 0 Torino. Cronaca della partita ed Higlights.

Palermo, 5 Aprile 2009.

Al "Renzo Barbera" il Palermo con il minimo sforzo batte il Torino. 1-0 il finale con gol vittoria realizzato di testa da Cavani nella ripresa. Non è stata una partita bellissima, con il Palermo che ha sempre dimostrato la superiorità tecnica ma ha cozzato con l'atteggiamento assolutamente difensivistico dei granata, scesi in campo con l'obiettivo di limitare i danni e cercare di portare via almeno un punto. Il Torino ha tirato un paio di volte verso la porta di Amelia, colpendo il palo con Dzemaili a pochi minuti dalla conclusione. Problemi di formazione per il tecnico del Palermo, Davide Ballardini che oltre agli squalificati Cassani e Bovo, deve rinunciare a Bresciano a causa di un risentimento muscolare alla coscia destra rimediato durante il riscaldamento. In campo, al posto dell'australiano va Migliaccio con Hernandez, ieri impegnato con la Primavera, in panchina. Ballardini è stato costretto a ridisegnare la difesa, spostando Balzaretti a destra con Savini che recupera la corsia opposta. Rosa in campo con il nuovo main sponsor sulla maglia, la BetShop. Nel Torino, esordio in panchina di Camolese e formazione confermata rispetto alla vigilia. La prima emozione la regala il Palermo con una mischia in area granata con Sereni che para a terra. Ancora Palermo al 10' con Cavani che gira bene di sinistro all'ingresso dell'area torinista con il pallone che sfiora il palo sinistro di Sereni. Bene cosi, perchè la nostra squadra dimostra di essere scesa in campo con la giusta mentalità. Il Torino cerca di riorganizzare il gioco, ma il Palermo lo tiene sempre sulla corda, come al 15' quando su preciso lancio di Liverani, Cavani arpiona il pallone, entra in area, gioco di gambe sul diretto controllore ma spara fuori lo specchio della porta. Ancora Cavani protagonista che di tacco cerca di servire Balzaretti, in percussione nell'area avversaria, ma è attento Rivalta che spazza via. La prima ammonizione della gara è per Carrozzieri. Al 20' il Palermo usufruisce di un calcio di punizione dai 20 metri: battuta morbida di Liverani con il pallone che termina direttamente tra le braccia di Sereni. Non è una partita semplice per la formazione rosanero che cozza con lo schieramento granata quasi tutto in posizione difensiva. Interessante iniziativa della formazione di Ballardini al minuto 24 con Balzaretti che dalla destra mette bene al centro, qualche problema di comunicazione tra i difensori piemontesi con Sereni che esce a bloccare anticipando l'arrivo di Simplicio sotto porta. Dopo alcuni minuti in cui il match ha regalato poco nulla. Al 34' i rosa usufruiscono di una nuova punizione dai venti metri. Ci prova Liverani che piazza il pallone nel "sette" sinistro con il prodigioso tocco di Sereni in angolo. Ancora una punizione a favore dei rosa, segno che la partita è molto spezzettata, stavolta in posizione decentrata, quasi un angolo corto. Si incarica della battuta Miccoli, ma al centro dell'area, spazza bene di testa Stellone. Adesso il Palermo comprende che deve accelerare il ritmo, perchè fino ad ora, il Torino si difende bene. Da un'azione confusa sulla trequarti, al 40' ci prova Migliaccio con un esterno che tuttavia non inquadra lo specchio della porta di Sereni. Al 44' il primo tiro verso la porta di Amelia costretto a chiudere in angolo su una fucilata ravvicinata di Abate. Non succede più nulla e senza recupero, De Marco manda le squadre negli spogliatoi. Ad inizio ripresa, Camolese lascia fuori un evanescente Rosina facendo entrare Gasbarroni. Nella ripresa, i rosa dovranno obbligatoriamente alzare i ritmi. In effetti è cosi e al 5' passiamo in vantaggio. Cross dalla sinistra di Simplicio sul primo palo dove è bravissimo Cavani ad anticipare di testa Natali e battere Sereni, vano il suo volo all'incrocio dei pali. Bene cosi, perchè col vantaggio adesso i rosa potrebbero esprimersi con più disinvoltura. Camolese corre ai ripari con Ventola che fa l'ingresso in campo al posto di Corini ed il pubblico del Barbera tutto in piedi ad applaudire l'ex storico capitano. Al 12' il Torino dà segnali di ripresa e fa venire i brividi al Palermo con un colpo di tacco di Ventola nell'area piccola neutralizzato da Amelia in presa bassa. L'azione dei granata era nata da una buona iniziativa di Gasbarroni. E' lo stesso Ventola che procura ancora un brivido alla difesa rosanero al 17' con Amelia costretto all'uscita, protetto da Kjaer. Qualche problema al ginocchio destro per Amelia a cui viene applicata una vistosa fasciatura. Il nostro portiere ha rimediato la botta dopo uno scontro con Stellone. Interessante al 25' l'iniziativa di Balzaretti che in posizione centrale spara verso Sereni che non ha difficoltà a bloccare. Il Torino dimostra quasi di aver alzato bandiera bianca, cercando di organizzarsi solo per inerzia e non per convinzione. L'atteggiamento disarmante della formazione piemontese agevola il Palermo che non rischia nulla ed amministra la situazione a circa un quarto d'ora dal fischio finale. Piove sul bagnato per Camolese che deve rinunciare a Franceschini, al suo posto Di Loreto. E' quest'ultimo che provoca un angolo per i rosa, battuto da Liverani, rinviato dalla retroguardia granata con Simplicio che prova dalla distanza al volo senza fortuna. Ballardini, al 35' opera la prima sostituzione inserendo Mchedlidze al posto di Cavani. Il Torino protesta vistosamente per un episodio all'interno dell'area rosa con un contatto Carrozzieri-Ventola. Pericolosa punizione per il Torino a tre dal termine con Dzemaili che batte verso Amelia colpendo il palo sinistro. Pericolo scampato. I granata producono l'assalto finale alla porta di Amelia, ma riusciamo a conservare il vantaggio. Tedesco prende il posto di Simplicio. Finisce qui.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.