I nuovi argentini del Palermo: Nicolas Bertolo e Javier Pastore.


Monreale (Pa), lì 28 Giugno 2009.

Da quando il Palermo è approdato nuovamente nella massima serie, dopo 32 anni di lunghissima attesa e sofferenza, il Presidente Maurizio Zamparini ha acquistato da alcuni club argentini dei calciatori, utilizzati in diversi ruoli, che molti ricorderanno ancora oggi. Fra questi calciatori, se ricordate, vi erano Mariano Gonzales, Ernesto Farias,Mario Alberto Santana. Tutti e tre, dopo essere giunti a Palermo, furono presentati alla stampa come dei possibili campioni che si sarebbero sicuramente affermati nel campionato italiano di Serie A. Tuttavia, mentre Santana che è risultato essere un giocatore molto duttile tatticamente, può giocare indifferentemente sia sulla destra che sulla sinistra, si è integrato perfettamente nel calcio italiano, riuscendo a trovare ampi spazi oltre che fra le fila del Palermo anche in squadre come Chievo Verona e Fiorentina, Farias e Gonzales non si sono del tutto integrati nei meccanismi del campionato italiano, lasciando dopo un breve periodo di tempo l'Italia. Il primo, Mariano Gonzales, ha giocato nel Palermo disputando 51 partite e segnando 4 gol, per poi passare nell'estate 2006 in prestito all'Inter. All'Inter non ha trovato molto spazio. Ha siglato la sua prima rete in nerazzurro nella partita di Coppa Italia contro il Messina del 29 novembre 2006, vinta dall'Inter con il punteggio di 4-0. Ritornato a Palermo per fine prestito, è stato ceduto nuovamente in prestito al Porto nell'estate del 2007. Nel 2008 la società lusitana fa valere l'opzione di riscatto assicurandosi il calciatore per 3,25 milioni di euro. Il secondo, Ernesto Farias,cresciuto sportivamente nell'Estudiantes de La Plata, ha avuto un'infelice esperienza al Palermo nel 2004, nel quale segnò solo 2 reti in Coppa Italia contro la Salernitana, prima di essere ceduto nel mercato di gennaio al River Plate diventandone il bomber. Successivamente si trasferì al Porto. I nuovi argentini del Palermo, Bertolo e Pastore, non ancora ufficialmente presentati alla stampa dalla società rosanero, vengono così giudicati dalla "Gazzetta dello Sport":

Nicolas Bertolo: "Primo argentino del Palermo, il meno pubblicizzato. Esterno doppia-fascia di centrocampo, sa giocare la palla, corre e studia da Iniesta. Ex provino del Piacenza - restò una settimana, poi il Boca fece saltare tutto - ha fatto impazzire gli appassionati del fantacalcio argentino, in cui è stato acquistato più di Riquelme: ’Ma è solo perché costavo poco’ - ha commentato".

Javier Pastore: "Secondo argentino del Palermo, due volte più interessante del primo. Centrocampista avanzato, dice di aver vissuto anni sognando una foto con Riquelme. Quando ci ha giocato contro, ha scoperto di essere più simile a Kakà: ’Mi piace giocare fronte alla porta e correre con la palla’. E’ costato 15 milioni e lo chiamano ’El flaco’, ’Il Magro’".

Speriamo che Bertolo e Pastore, ai quali va il mio personalissimo "Benvenuti!" riescano, a differenza dei loro predecessori Gonzales e Farias, a lasciare un'impronta indelebile a Palermo facendo decollare i nostri colori e far sognare i tifosi.

Fonte:

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.