MAFIA: BENI PER 1, 5 MLN SEQUESTRATI AD EX BANCARIO AGRIGENTINO.

(AGI) - Palermo, 14 ago. - La Direzione investigativa antimafia, a conclusione di indagini patrimoniali e bancarie disposte dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, ha eseguito un sequestro di beni per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro. Il provvedimento, emesso dalla Seconda Sezione del Tribunale di Agrigento, ha riguardato Giovanni Gentile, 54 anni, ex bancario di Castronovo di Sicilia (Palermo). Il 29 marzo 2004 era stato arrestato nell'ambito dell'operazione "Alta Mafia", con cui la Dda di Palermo svelo' un intreccio tra mafia, imprenditoria e politica, finalizzato all'ottenimento di finanziamenti pubblici e al controllo degli appalti. L'uomo e' considerato dai giudici personaggio ben inserito nel clan mafioso con stretti legami con la criminalita' organizzata di Canicatti'. Il collaboratore di giustizia Antonino Giuffre' lo aveva indicato uomo d'onore del mandamento di Caccamo (Palermo), svolgendo anche il ruolo di collegamento con le cosche di Canicatti'; Gentile e' inoltre nipote di Calogero, 74 anni, indicato dal collaboratore come reggente della famiglia mafiosa di Castronovo di Sicilia negli anni 80. L'8 gennaio 2007 era stato condannato dalla Corte d'Appello di Palermo a sei anni di reclusione per associazione mafiosa. Il 17 febbraio 2009 e' stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale per tre anni con obbligo di soggiorno nel comune di residenza. Ad aprile la Direzione distrettuale antimafia ha inviato al Tribunale di Agrigento la proposta di misura patrimoniale a carico del Gentile sulla base delle indagini patrimoniali che erano state delegate alla Direzione investigativa antimafia ed effettuate nell'ambito dell'operazione "Summit". I concreti indizi di appartenenza alla mafia e la riscontrata sproporzione tra i modesti redditi familiari dichiarati e i beni acquistati nel periodo di riferimento, hanno determinato l'applicazione della misura di prevenzione patrimoniale. Il provvedimento del Tribunale ha disposto il sequestro di undici appezzamenti di terreno a Castronovo di Sicilia, tre abitazione a Canicatti', a Palma di Montechiaro e a Palermo, nonche' quattro appartamenti e tre magazzini a Castronovo di Sicilia, e il saldo di conti correnti e depositi a risparmio in un istituto di credito di Canicatti'.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.