Calcio, Serie A Tim: Palermo 1 vs Udinese 0. Cronaca ed highlights della partita.


Palermo, 25 Ottobre 2009.

Terzo successo di fila per il Palermo di Walter Zenga, che oggi pomeriggio al “Barbera” ha sconfitto 1-0 l’Udinese. Match winner il difensore Cesare Bovo che nei minuti finali ha realizzato una spettacolare rete dalla distanza che è valsa tre punti di platino.
Tra i rosa Salvatore Sirigu, assente a Livorno per influenza, torna a difendere la porta. Nessuna variazione nel modulo: 3-4-1-2 con Goian al posto dello squalificato Kjaer. Pasquale Marino, dal canto suo, schiera un 4-3-3 con il tridente offensivo composto da Asamoah, Di Natale e Sanchez. Prima del fischio d’inizio il vicepresidente Guglielmo Miccichè consegna a Mattia Cassani un premio di riconoscimento per le sue prime cento presenze con la maglia rosanero. Comincia nel peggiore dei modi il match per la squadra allenata da Zenga: dopo due minuti di gioco Balzaretti, nel tentativo di raggiungere un lancio di Simplicio, rimedia un infortunio muscolare ed è costretto a lasciare il campo. Al suo posto Blasi che si colloca al centro della mediana, mentre Pastore viene spostato sulla fascia sinistra e Bresciano sulla trequarti. Al 6’ tentativo da fuori di Asamoah, nessun problema per Sirigu che respinge. All’11’ buona intuizione di Cavani che lascia sul posto Pasquale e fa partire un potente destro sfiorando lo specchio della porta. Al 16’ calcio di punizione battuto da Miccoli, Handanovic allontana con i pugni. Al 17’ De Marco annulla per fuorigioco la rete dello stesso Miccoli, abile a superare il portiere friulano dopo il primo tentativo di Migliaccio. Un minuto più cartellino giallo “pesante” per Bovo che, diffidato, salterà la sfida di giovedì prossimo in casa dell’Inter. Al 23’ lancio lungo di Nocerino e conclusione al volo di Pastore dalla lunga distanza che termina alta. Al 28’ rosa vicini al vantaggio: tiro dai venti metri di Bresciano, respinta a mani aperte di Handanovic, che si fa trovare pronto anche sulla successiva battuta a rete di Cavani. Un minuto più tardi Pastore recupera la palla su un rimpallo della difesa ospite ma la sua bordata si infrange sul corpo di Coda. Al 35’ ovazione del “Barbera” per Migliaccio che salva sulla linea il destro a botta sicura di Di Natale, dopo che la prima conclusione del capitano dell’Udinese era stata parata da Sirigu. Due minuti più tardi ennesima incursione del numero 10 bianconero che, ben servito da Pepe, lambisce il palo. Al 45’ traversone dalla sinistra di Bovo per Cavani che in spaccata manca la porta da buona posizione, ma il guardalinee aveva già alzato la bandierina. Dopo l’intervallo entrambe le squadre tornano in campo con gli stessi undicesimi del primo tempo. Al 2’ della ripresa splendida parata in tuffo di Sirigu sull’insidioso tiro da fuori di Sanchez. Nell’azione successiva bella giocata di Pastore che trova lo spazio per lanciare Miccoli, ma il capitano rosanero si fa trovare in posizione di off-side. Al 6’ pericolosa punizione di D’Agostino, Zapata non riesce ad agganciare il pallone. Al 13’ Zenga sostituisce Pastore con Budan, che va a comporre un tridente offensivo con Cavani e Miccoli. Al 22’ il capitano rosanero va vicinissimo al gol con un calcio di punizione dai venticinque metri ma è prodigiosa la parata in tuffo di Handanovic. Nell’azione successiva Simplicio colpisce il palo, ma De Marco aveva già fermato il gioco per la posizione di fuorigioco dello stesso numero 30 rosanero. Al 27’ destro dal limite di Di Natale, ancora una volta è sicuro Sirigu che sventa la minaccia. Al 31’ Budan di testa manda di poco alta la palla sul bel cross dalla sinistra di Miccoli. Quattro minuti più tardi l’attaccante croato ci riprova, sempre di testa, ma questa volta trova Handanovic che para a terra. Al 37’ terzo cambio per il Palermo: dentro Succi, fuori tra gli applausi Cavani. Due minuti dopo, provvidenziale salvataggio di Blasi su Floro Flores lanciato a rete, palla in corner. Sul calcio d’angolo ancora una parata d’applausi di Sirigu che si oppone alla conclusione aerea dello stesso Floro Flores. Tre minuti prima del 90’ Bovo fa esplodere il” Barbera”, superando Handanovic con un’imprendibile conclusione al volo da fuori area. Al 44’ sventola di Miccoli da posizione defilata, Handanovic alza sopra la traversa. Al 48’ palo di Di Natale dal vertice dell’area di rigore. Dopo quattro minuti di recupero De Marco fischia la fine: il Palermo esce dal campo tra gli applausi e vola a quota 15 in classifica.

Fonte:



I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.