La cucina siciliana: Dalla ricca gastronomia palermitana, oggi prepariamo le panelle e le crocchè.

Monreale (Pa),lì 29 Nov. 2009.

Alcune delle pietanze tipiche della città di Palermo sono le panelle e le crocchè, ovvero le prime, delle frittelle realizzate con la farina di ceci, condite subito dopo la frittura con sale (e se piace qualche goccia di limone), mentre le seconde, anche dette cazzille palermitane, sono delle frittelle realizzate con un'impasto a base di patate lesse, a cui viene aggiunto del parmigiano grattugiato e prezzemolo tritato, fritte in abbondate olio di seme e sale quanto basta. Spesso vengono consumate all'interno della "focaccia", un panino simile a quello da hamburger e dalla pasta morbida, ma dalla crosta croccante e arricchita dal sesamo.

Ingredienti per la preparazione delle panelle:
  • farina di ceci
  • acqua
  • sale
  • prezzemolo
  • olio di semi
Preparazione:
  1. Prendete una pentola, versatevi un litro d'acqua circa e ponetela sul fuoco lento.
  2. Unite a pioggia la farina di ceci, salate e mescolate continuamente fino ad ottenere un impasto denso che si staccherà dalle pareti della pentola.
  3. Spegnete il fuoco ed aggiungete parte del prezzemolo.
  4. Quindi versate il composto su un piano di marmo precedentemente inumidito e con una spatola bagnata allargate in modo da ottenere una superficie uniforme di circa tre millimetri di spessore.
  5. Fatelo raffreddare e tagliate a rettangoli.
  6. Friggete in abbondante olio di semi.
Ingredienti per la preparazione delle crocchè:

  • 1 Kg. di patate ;
  • 50 gr. parmigiano;
  • sale, pepe, uno spicchio di aglio e del prezzemolo tritati.
Impastare il tutto in un tegame e formate delle crocchette ("cazzille") ovali che friggerete in olio ben caldo.

Preparazione:


Schiacciate a mano o con l'apposito schiacciapatate 1 Kg. di patate fatte bollire precedentemente , alla purea così ottenuta aggiungete: il parmigiano, sale, pepe, uno spicchio di aglio e del prezzemolo tritati. Impastare il tutto in un tegame e formare delle crocchette ovali che friggerete in olio ben caldo. Nella Sicilia orientale si usa passare le crocchette nella chiara d'uovo e nel pangrattato prima di friggerle.


Un pò di storia:

Le panelle:
Nate durante la dominazione araba, risalgono al IX secolo. Preparate con farina di ceci, acqua e sale e l'eventuale aggiunta di prezzemolo, le panelle solitamente si mangiano in mezzo a panini con sesamo, rotondi e morbidi, spesso accompagnate con crocchè di patate alla menta (chiamate in siciliano "cazzilli") o con altre specialità fritte in pastella.
Prerogativa del territorio, le panelle rappresentano il caratteristico spuntino del palermitano. Si possono acquistare in una serie infinita di “friggitorie", anche ambulanti, sulle strade di grande traffico, nei quartieri popolari o residenziali, nei quartieri nuovi, nel centro storico.

Le crocchè:
(dal francese croquettes) sono un piatto tipico della cucina napoletana e siciliana a base di patate e uova, che vengono fritte dopo essere impanate in pan grattato.
Oltre ad essere preparate in casa, sono anche un prodotto tipico di friggitoria insieme a pastacresciute, sciurilli, scagliozzi, fette di melanzane fritte e le palle di riso (piccoli arancini). Si tratta di una specialità diffusa a Napoli ma anche in Sicilia ed a Palermo in particolare, città in cui si utilizza il latte anziché le uova ed in cui all'impasto si aggiungono foglie di menta. A Napoli ed a Lecce prendono spesso anche il nome di panzarotti, a Palermo vengono invece chiamate cazzilli.

Fonte:

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.