94ª Targa Florio: Riolo fa il tris su Citroën Xsara WRC.

Palermo, 8 maggio 2010 - Fra i due “litiganti” del Trofeo Rally Asfalto, ovvero i lombardi Re e Pedersoli, nella 94° edizione della Targa Florio ha prevalso il pilota di casa Totò Riolo, che in coppia con Canova ha sfruttato al meglio il potenziale della Citroen Xsara WRC ex Sebastian Loeb, cogliendo un incredibile tris nella corsa più antica del mondo, che aveva già vinto nel 2002 e 2005, sempre al volante di vetture transalpine: Peugeot e Renault. Riolo ha anche regalato alla Citroen il primo alloro nella prestigiosa gara siciliana. L’equipaggio della scuderia Ateneo si è portato al comando alla terza delle 10 prove in programma ed ha progressivamente incrementato il proprio vantaggio sull’altra Xsara della coppia Re-Bariani, alla prima uscita sulle impegnative strade della Targa. Re è riuscito a conservare il secondo posto per un solo decimo di secondo, resistendo all’attacco dei rivali Pedersoli-Romano (Ford Focus), in difficoltà nelle prime battute di gara per una non ottimale scelta delle gomme, e poi in gran rimonta nel finale, tanto da vincere 4 prove speciali, così come Riolo. Grazie a questo secondo posto Re-Bariani balzano al comando del Trofeo Rally Asfalto, di cui la Targa Florio era la terza prova, con due punti di vantaggio su Pedersoli. Alle spalle delle più potenti WRC si è piazzata la Peugeot 207 S2000 di un costante e brillante Alfonso Di Benedetto, che pur rallentato dalla rottura della leva del cambio ha preceduto la vettura gemella del ligure Pisi e la Fiat Punto Abarth del toscano Ciuffi. Per il settimo posto solo all’ultima prova la Peugeot 207 S2000 di Sicilia ha avuto la meglio sulla Renaul Clio di Vara, dominatore del Gruppo R, seguito dal toscano Vita che ha avuto vita facile in Gruppo N dopo l’immediato abbandono di Laganà. Nel corso della gara un incidente ha visto coinvolti due spettatori, investiti da una vettura uscita di strada nella prova di Lascari. Prontamente soccorsi i due se la sono cavata con contusioni ed una sospetta frattura di un polso. La gara è stata portata a termine da 53 degli 84 equipaggi partiti ieri da Palermo. La classifica: 1. Riolo-Canova (Citroen Xsara) in 1h02’42”6; 2. 2. Re-Bariani (Citroen Xsara) a 21”9; 3. 3. Pedersoli-Romano (Ford Focus) a 22”; 4. Di Benedetto-Siragusano (Peugeot 207) a 2’54”7; 5. Pisi-Costantini (Peugeot 207 S2000) a 3’23”6; 6. Ciuffi-Messina (Fiat Punto Abarth) a 4’48”2; 7. Sicilia-Cambria (Peugeot 207 S2000) a 5’10”7; 8. Vara-Rappa (Renault Clio R3C) a 5’14”0; 9. Vita-Girelli (Mitsubishi Lancer) a 5’35”6; 10. Lunardi-Palmisano (Subaru Impreza) a 6’12”5.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.