La ceramica raku, una passione che dura da una vita.

Monreale (Pa), lì 23 Ott. 2010.

Qualche anno fa, quando ancora mia figlia Maria Teresa frequentava la scuola elementare "F. Morvillo" di Monreale, conobbi Mario Lo Coco, impiegato presso quell'istituto scolastico, che mi raccontò di essere un cultore della tecnica raku, di origine giapponese, per la realizzazione della ceramica. Mi raccontò non solo di conoscere a fondo l'argomento ma mi disse anche di essere un creatore di oggetti in ceramica utilizzando quella antica tecnica. Non ebbi il tempo, per motivi di lavoro, di documentarmi all'epoca sull'argomento di cui parlava Mario con tanta passione, professionalità e competenza, con gioia che sprizzava da tutti i suoi pori. Mi accorsi solo dopo alcuni mesi dal giorno in cui lo conobbi di alcune stupende creazioni artistiche di Mario Lo Coco, alcune delle quali permanentemente esposte al pubblico presso la suddetta scuola elementare, allorquando mia figlia frequentò un corso di ceramica, finanziato grazie al progetto P.O.N. 2007-2013 e diretto dal medesimo Mario presso l'Istituto d' Arte per il mosaico " Mario D' Aleo" di Monreale, unitamente al collega Salvo Arena e ad alcuni professori insegnanti presso quell'istituto.

Mario, Salvo, ed alcuni bambini della scuola elementare "F. Morvillo" di Monreale, fra cui mia figlia, e altri frequentanti la Scuola Media annessa all'istituto d'arte per il mosaico, riuscirono, con mia profonda sorpresa, meraviglia, a realizzare delle splendide opere d'arti, raffiguranti della natura morta, ed in particolare due pannelli di circa due metri per uno, che furono poi esposti uno nell'androne della scuola elementare ed uno presso l'istituto d'arte per il mosaico "Mario D'Aleo".

Un po' di Storia:

Raku, tecnica di origine giapponese, nasce in sintonia con lo spirito zen che esalta l'armonia presente nelle piccole cose e la bellezza nella semplicità e naturalezza delle forme. L'origine del raku è legata alla cerimonia del tè: un rito, realizzato con oggetti poveri tra i quali il più importante era la tazza, che gli ospiti si scambiavano l'un l'altro. Le sue dimensioni erano tali da poter essere contenuta nel palmo della mano.

L'invenzione della tecnica raku è attribuita ad un artigiano Coreano addetto alla produzione di tegole dell'epoca Momoyama (XVI secolo d.C.), Chojiro, che la sviluppò per poter più facilmente creare le ciotole per la cerimonia del tè (e in effetti il suo mecenate fu Sen no Rikyu, un maestro di questa cerimonia). Il termine giapponese raku significa letteralmente comodo, rilassato, piacevole, gioia di vivere, deriva dal sobborgo di Kyōto da cui veniva estratta l'argilla nel sedicesimo secolo. Da quel momento divenne anche il cognome e il sigillo della stirpe di ceramisti discendente da Chojiro, tuttora attiva in Giappone. Nel diciottesimo secolo, venne pubblicato un manuale che ne spiegava nel dettaglio la tecnica, e da allora il raku si diffuse anche al di fuori del Giappone. Le ceramiche raku arrivano ad avere un valore elevatissimo e sono molto ricercate. Molte di queste opere posso essere ammirate, infatti, in musei e collezioni private.

Tecnica

La tecnica raku è stata introdotta recentemente nel mondo occidentale che ne ha stravolto i risultati. L'effetto decorativo, con riflessi metallici e cavillatura, la singolarità del processo, dove l'oggetto è estratto incandescente dal forno, ne fanno una tecnica decisamente emozionante, che stravolge il metodo ceramico classico. Durante il processo raku il pezzo subisce un forte shock termico; è quindi necessario utilizzare un'argilla robusta e refrattaria. Questo tipo di terra ha al suo interno della chamotte (granelli di sabbia) che diminuiscono il grado di contrazione, evitando così la probabilità di frattura. Il pezzo in argilla refrattaria bianca dopo esser stato modellato viene cotto una prima volta tra 950-1000 °C; dopo di che avviene la decorazione. In questa tecnica vengono utilizzati ossidi o smalti, quindi per avere un verde, ad esempio, non si utilizza il pigmento dello stesso colore ma l'ossido di rame.

Esempio di decorazione utilizzando la riduzione: togliendo l'oggetto incandescente dal forno, in base al tipo di prodotto che si utilizza per la riduzione (segatura, carta, foglie ecc. ) sull'oggetto biscottato si potranno ottenere diversi effetti di riduzione dal colore nero al colore grigio.

Alcuni lavori di Mario Lo Coco:


(Scuola Morvillo: una porta contro le mafie,dedicata a tutti i morti contro la mafia")

(libro in ceramica: "il libro racconta il mediterraneo" dedicato ai migranti)

("geometrie spaziali" ceramica con fusioni di vetri e metalli)

Per maggiori informazioni potete visitare anche il sito:

ed il blog:
Ringrazio Mario Lo Coco per le foto inviatemi, per avermi dato la possibilità di parlare della sua passione, e con profonda stima ed amicizia lo invito, per il tratto futuro, a fornirmi altri spunti, materiale, foto, documenti, che possano consentirmi di parlare della suddetta tecnica raku ad un vasto pubblico di appassionati che sono soliti, come me, di frequentare quel vasto mondo che è internet.

Fonte:


I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.