Calcio, Serie A Tim: il Palermo batte il Brescia per una rete a zero.

Decide un gol di Bovo nel finale. Rosanero lamentano un rigore.

22 Gen. 2011.

Tre punti d’oro per il Palermo allenato da Delio Rossi, che oggi pomeriggio al Barbera ha superato 1-0 il Brescia, nel match valevole per la 21 giornata del Campionato di Serie A Tim. Decisiva la marcatura realizzata da Cesare Bovo a tre minuti dal fischio finale su calcio di punizione. Al 3’ Pastore mette i brividi ad Arcari con un destro da fuori, il portiere bresciano respinge non senza qualche difficoltà. Tre minuti dopo suggerimento di Cassani per Miccoli, che di prima intenzione spara alto. All’8’ ci prova Bacinovic da lontano senza trovar fortuna. Al 10’ testa di Pastore sul corner di Miccoli, è provvidenziale la parata di Arcari che rimette in angolo, sugli sviluppi Bovo manda alto. Al 13’ l’arbitro non concede incredibilmente un calcio d’angolo al Palermo dopo l’ultimo tocco del bresciano Zebina. Quattro minuti più tardi, Pastore fugge via e serve Miccoli, ma il mancino del capitano rosanero viene neutralizzato da Arcari. Al 24’ destro di Nocerino dal limite, alto di pochissimo. Al 35’ Filippini e Berardi atterranno in area Pastore: Gervasoni lascia correre. Al 40’ bolide di Miccoli su punizione, Arcari para con i pugni. Al 44’ tiro di Nocerino deviato in angolo da Zebina. Allo scadere triangolazione tra Miccoli e Migliaccio, provvidenziale la chiusura in corner di Filippini. Sugli sviluppi del calcio d’angolo, prima Munoz e poi Miccoli vanno vicini al gol. Nella ripresa al 5’ nel Brescia Martinez viene sostituito da Zambelli. Un minuto dopo, Caracciolo con un destro a giro dal limite fa tremare l’incrocio dei pali. Al 13’ insidiosa incornata di Migliaccio sulla punizione battuta da Miccoli, Arcari para ancora una volta. Al 18’ destro di Miccoli ribattuto in angolo da Mareco. Un minuto dopo fuori Possanzini, dentro Hetemaj. Al 22’ Cassani sfiora il gol con un destro defilatissimo fuori di un soffio. Due minuti più tardi esterno destro di Miccoli su punizione, palla alta. Al 25’ Munoz su un corner vola più in alto di tutti e batte di testa a porta sicuro, Cordova salva sulla linea. Al 27’ continua l’assalto del Palermo alla porta bresciana: verticalizzazione di Nocerino troppo lunga per tutti, pallone fuori di poco. Al 39’ Migliaccio di testa non inquadra la porta. Al 41’ Barbera in tripudio: ci pensa Bovo con un magistrale calcio di punizione che non dà scampo ad Arcari a portare a casa i tre punti.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.

Naro (AG) fra miti e leggende.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.