E se non fosse terrestre..? Parte seconda.


(Fonte: Dalla rete)
22 Marzo 2011.

Sono sempre più convinto che l'uomo, ogni singola cellula che compone il suo corpo, ogni singola molecola, ogni singolo atomo, elettrone, neutrone, quark, e così sino all'infinito, sia il frutto di un esperimento di genetica molecolare avvenuto per mano di una civiltà extraterrestre migliaia e migliaia di anni fa. Sono sempre più che convinto che gli dèi dell'antichità ed i miti ad essi collegati abbiano avuto origine da fatti storici sensazionali che i nostri antenati, non riuscendo a spiegarli con le conoscenze del loro tempo, hanno poi tramandato ai posteri sotto forma di religione e di eventi sacri(1). 

Vi raccontavo nel precedete post da me pubblicato in data 20 u.s.  che ci sono tantissime testimonianze archeologiche sul nostro pianeta che corroborano la tesi sostenuta dai teorici e dagli studiosi della teoria dell'antico astronauta, anche se tale teoria non è in generale accettata a livello scientifico-accademico, con alcune eccezioni (un esempio l'astronomo e matematico Josef Allen Hynek), e venga spesso fatta rientrare nel più vasto campo speculativo della controversa pseudo-archeologia o archeologia misteriosa.

Lasciando il complesso archeologico di Carnac, in Francia, ci dirigiamo idealmente a nord, a circa 1600 Km. Ci troviamo così in Scandinavia, patria di una popolazione antica: i Vichinghi.

I Vichinghi fecero la loro comparsa attorno al 700 d.C. e furono il risultato di una fusione tra indoeuropei, celti e popoli orientali. Nella Svezia meridionale abitavano i Gauti (Goti), di origine germanica-slava. La Finlandia era abitata dai Finni, mentre i paesi baltici dai Balti, di origine slava. A sud della Danimarca è presente la Sassonia, abitata dai Sassoni, la Frisia (Belgio e Olanda), il regno Franco, la regione degli Slavi (Polonia); più a sud si identificano i Bulgari.

Il popolo vichingo è passato alla storia per il suo carattere bellicoso, ma sicuramente ha espresso altre caratteristiche. Per quanto riguarda il primo aspetto è evidente che aveva sviluppato un’attività bellica, che lo ha reso invincibile per molti secoli. Non era costituito da un esercito organizzato e regolare. Nel rispetto del costume celtico, tutto era basato sul vigore e la potenza, con strategie molto semplici. Solo negli ultimi anni del loro dominio si sviluppò una regolarità nell'organizzazione dell’esercito, motivata dalla nascita e comparsa delle prime signorie nordiche.

La religione vichinga presenta numerose commistioni con il mondo reale vissuto da questo popolo nordico. Vi sono infatti numerosi riferimenti alla vita quotidiana ed agli elementi naturali che accompagnavano la popolazione. Sicuramente essa ha subito delle influenze celtiche, quindi indoeuropee con origini relative all’area scita-iranica.

I sacerdoti vichinghi, o rusii, erano detti attiba e svolgevano i riti sacrificali durante le cerimonie. Questi avevano luogo all’aperto, in pieno stile celtico, e venivano costituiti da sacrifici animali ed umani, i cui cadaveri erano esposti appesi ad alberi. Questa pianta, che richiamava le pietre megalitiche su cui venivano apposte scritture runiche, rappresentava la continuità tra la terra ed il cielo, luogo di residenza degli dèi.
Il poema Voluspa ci racconta come è avvenuta l’origine del mondo e come era fatto il mondo degli dei. Il primo essere animato a comparire fu il gigante Ymir, nato dallo scontro tra il ghiaccio del mondo settentrionale, detto Niflheim, ed il fuoco del mondo meridionale, detto Muspelheim.
Ymir abitava nella Terra di Nessuno ed ebbe come compagna una mucca, Audumla. Da questi nacque la prima coppia di giganti che ebbero come figlia Bestla. Questa si unì a Bor, nato da Audumla.
Dai due nacquero Odino, Vili e Ve, che uccisero Ymir e fecero il mondo. Con il cranio del gigante fu fatta la volta celeste, con il cervello le nuvole, con il sangue il mare e con la carne e le ossa la terra. Essi andarono ad abitare tra il cielo e gli inferi, nel Midgard (Terra di Mezzo), mentre ai giganti assegnarono l’Utgard (Terra alla Periferia).
Gli dèi risiedevano nell’Asgard, dove c’era una sala enorme, ove si poteva fumare, bere idromele, giocare a scacchi e da cui potevano osservare il mondo. Nella sala inoltre si trovava un enorme frassino che aveva le radici negli inferi e la sommità nel cielo. L’Asgard era unito con il Midgard da un ponte bellissimo.
Gli dèi soffiarono in un albero e nacquero i primi esseri umani: Askr ed Embla, alla cui prole affidarono il mondo.
L’Olimpo nordico, il Valhalla, era continuo teatro di lotta tra due famiglie divine: gli Asen, che detenevano il governo, e i Vanen che avevano guadagnato il rango attraverso le battaglie vinte. Il Valhalla era abitato anche dagli eroi caduti in battaglia e dalle Valchirie, vergini da combattimento e cameriere degli dèi, che proteggevano il regno degli dèi.
Come per i Greci, la mitologia Vichinga parla di esseri soprannaturali, di altri mondi, e di potenti dèi. Ma come per i Romani, è possibile che i miti Vichinghi non si riferiscano a degli dèi diversi ma agli stessi descritti dagli antichi Greci?
Ci sono parecchie somiglianze, infatti, fra la mitologia Greca e quella Scandinava. Molti degli dèi Vichinghi sono praticamente identici. La descrizione del dio Vichingo Odino, dio della guerra, della morte, della conoscenza, e quella di Zeus mostrano similitudini impressionanti. Zeus ed Odino sono entrambi padri del cielo. Viaggiano nel cielo su carri perché sono affini alle divinità del Sole. Chiunque ci sia dietro Zeus o Odino è un'entità divina condivisa da queste culture ed è evidente che chiunque abbia ispirato il mito di Zeus o di Odino, è una persona che in qualche modo ha dato un contributo estremamente importante alla costruzione di entrambe le civiltà; di conseguenza questa entità era sicuramente nota in tutta Europa. I teorici degli antichi alieni sottolineano le straordinarie somiglianze fra le sofisticate armi possedute dagli dei Vichinghi e Greci. Thor era il dio del tuono. Era gigantesco, con una folta criniera di capelli rossi. Quando lanciava il suo martello si sentiva un gran tuono, seguito da un lampo abbagliante e il martello gli ritornava in mano. Amava le lotte e i banchetti ed era sempre alla ricerca di avventure. Thor era anche il dio della legge e della giustizia. In genere era di buon umore, ma andava in collera rapidamente. Gli altri dèi lo avevano in simpatia, ma lo ritenevano poco intelligente e a volte lo prendevano in giro.

Odino dimorava ad Ásgarðr, nel palazzo di Válaskjálf innalzato da lui stesso, dove, seduto sul trono Hliðskjálf, osservava ciò che accadeva in ciascuno dei Nove Mondi. In battaglia brandiva Gungnir, la sua lancia, e cavalcava Sleipnir, il suo destriero a otto zampe, nato da una portentosa unione tra il dio Loki(momentaneamente trasformato in giumenta) e il cavallo Svaðilfœri.

Continua..... al prossimo post!


(1) « Secondo Nathan Söderblom, Rudolf Otto e Mircea Eliade, la religione è per l'uomo la percezione di un "totalmente Altro"; ciò ha come conseguenza un'esperienza del sacro che a sua volta dà luogo a un comportamento sui generis. Questa esperienza, non riconducibile ad altre, caratterizza l'homo religiosus delle diverse culture storiche dell'umanità. In tale prospettiva, ogni religione è inseparabile dall'homo religiosus, poiché essa sottende e traduce la sua Weltanschauung (Georges Dumézil). La religione elabora una spiegazione del destino umano (Geo Widengren ) e conduce a un comportamento che attraverso miti, riti e simboli attualizza l'esperienza del sacro. » (Julien Ries. Le origini, le religioni. Milano, Jaca Book, 1992, pagg.7-23)

Fonte:
  1. http://it.wikipedia.org/wiki/Religione;
  2. http://www.storiafilosofia.it/vichinghi/;
  3. http://www.pinu.it/martello_thor.htm;
  4. http://it.wikipedia.org/wiki/Odino;

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.

Naro (AG) fra miti e leggende.

Il Barocco e il Serpotta.