E se non fosse terrestre...? Parte undicesima.



A Ica vi è una pietra di troppo, nel senso che sopra queste famose pietre si trovano incise cose considerate fuori da ogni schema tradizionale e razionale, più appartenenti alla sfera dell'impossibile. (Fonte: Dalla rete)
Continuano i post dedicati all'archeologia spaziale, alla tesi sostenuta dai teorici degli antichi astronauti, alla domanda che sempre di più gli uomini del nostro tempo si pongono: "Siamo soli nell'Universo?" Il diluvio di cui si parla nel libro della Genesi della Bibbia cancellò forse antiche civiltà evolute facendoli scomparire per sempre? Forse il diluvio fu la causa della scomparsa di Atlantide e Mu?

Mercoledì 30 Marzo 2011.

Il diluvio che cancellò antiche civiltà.

Diecimila anni fa una gigantesca meteorite cadde sulla terra causando all'impatto lo spostamento dell'asse terrestre di ben 2000 km. Ne conseguì un vero e proprio cataclisma che sconvolse l'intero pianeta. Le acque dei mari si innalzarono al di sopra del loro livello sommergendo molte terre. Si narra che due grandi continenti sparirono per sempre: Atlantide e Mu. Eppure quando rifiutano il diluvio biblico e l'Arca di Noè in quanto favole, gli scienziati stanno ignorando che in tutto il mondo ci sono moltissimi miti afferenti questo evento catastrofico, oltre quelli che troviamo nei resoconti mesopotamici ed ebraici che raccontano la stessa storia di un disastro planetario avvenuto in tempi preistorici che ha praticamente sterminato il genere umano.

Enormi meteoriti scavarono, diecimila o dodicimila anni fa, grossi crateri nell'America Centro Meridionale, in Georgia, Virginia, Carolina e sul fondo dell'Oceano Atlantico al largo di Portorico. Si formarono le cascate del Niagara e s'innalzarono le Ande. Scomparve la coltre ghiacciata che copriva la Scandinavia, la Gran Bretagna, l'Irlanda, l'Europa Continentale. Un clima rigido invadeva La Siberia. La corrente del Golfo arrivò a toccare le nostre sponde perché, come afferma il geologo austriaco Otto Much, non trovò più nulla a fermarla. Mentre Atlantide spariva nella fossa di Cariaco - 350 km a est di Caracas - il fondale emergeva. Lo strato dell’iridio presente nel suolo proverebbe l’impatto con un grande asteroide. Sono tutti concordi che la produzione di questo elemento, in seguito all'attività dei soli vulcani, non giustifica le tracce di iridio sulla Terra, in India, Bangladesh, Italia, Europa. 
Intorno allo strato lasciato dall'attività vulcanica ne è stato trovato, sopra e sotto, un altro più consistente che contribuisce ad allargare la fascia del minerale fino a 50 cm. Quindi è certo un impatto con un grosso asteroide, o probabilmente l'incrociarsi con una cometa e la sua coda o, ancora, uno sciame di modesti asteroidi. Secondo Charroux il diluvio viene ricordato anche in America e una prova è la pietra detta "degli astronomi", della collezione Ica (si tratta di una vera e propria glittoteca - biblioteca di pietre incise - che traccia una storia di una umanità vissuta 65 milioni di anni fa. La scoperta di questa straordinaria eredità della preistoria è stata fatta dal Dr. Javier Cabrera), anche se tali pietre sollevano molti dubbi. Su di una di esse due persone stanno studiando un fenomeno celeste con un telescopio, un oggetto volante sale verso il cielo mentre tre comete cadono; vi sono stelle che brillano insolitamente, un immensa nuvola striata a simboleggiare la pioggia che segue la coda di una grossa cometa. I continenti sono raffigurati semi sommersi e una stella precipita su un continente o sopra una grandissima isola. In primo piano un'imbarcazione con tre personaggi a bordo. Alcune tracce lasciate dal cataclisma sono ancora evidenti e molto si ritrova nelle cronache antiche. L'evento che i comuni mortali hanno avuto modo di conoscere come "diluvio universale" (è un tema ricorrente in molte varie culture, anche se probabilmente le più conosciute in tempi moderni sono il racconto biblico dell'Arca di Noè, la storia Indù Puranica di Manu) è stato scientificamente provato. In Antartide sono state scoperte intere foreste fossili di betulle, faggi ed altri alberi che vivevano in zone temperate. Nel cuore gelato della Siberia sono state rinvenute specie ed animali sterminati da un repentino cataclisma globale. Sono state scoperte mappe antiche che mostrano il continente di Antartide secoli prima che fosse scoperto. Un secolo fa un archeologo concluse che la città di Tiwanaku in Bolivia fosse un osservatorio astronomico allineato al sole ed alle stelle. Secondo i suoi calcoli il sito ha 17000 anni. I suoi riscontri sono stati messi in ridicolo sino a poco tempo fa; grazie alle nuove tecnologie, ai computers e ai satelliti costruiti dall'uomo, la datazione esatta della città Tiwanaku in Bolivia dovrebbe essere di circa 12000 anni, rendendola, di fatto, la città più antica mai conosciuta. Chi la costruì? 

Puerta del Sol, presso il sito archeologico di Tiwanaku in Bolivia (Fonte: Dalla rete)
Tiahuanaco o Tiwanaku è un antico complesso architettonico ed archeologico della Bolivia, situato negli altopiani boliviani centrali, a 20 km sud-est del lago Titicaca nel dipartimento di La Paz . Si è pensato che fosse il centro di un'antica civiltà basata sull'agricoltura e l'allevamento, chiamato cultura Tiahuanaco, caratterizzata dalla sua architettura decorata con sculture e disegni incisi e collocati su sentieri, e che comprende il territorio attuale del lago Titicaca , tra Perù e Bolivia . Si compone di sette opere architettoniche importanti: Kalasasaya, Semi-subterráneo Tempio, Piramide di Akapana, Home Sun e Puma Punku . Testimonianza di una cultura pre-Inca importante, la città di Tiwanaku era un porto sul lago Titicaca. La magnificenza della cultura Tiahuanaco si riflette nel suo eccellente lavoro in ceramica con i famosi banchieri (occhiali cerimoniale), i ritratti Huaco (tridimensionale ritratto di un volto umano in una ciotola), così come i prodotti tessili e in particolare nelle costruzioni architettoniche. Data la sua età, alcuni studiosi hanno suggerito che Tiahuanaco fu la cultura madre della civiltà americana, mentre altri la consideravano come la capitale di un antico impero megalitico, o grande impero che si estendeva nelle Ande centrali. Quando i conquistadores spagnoli chiesero agli Inca se avessero costruito loro la città di Tiwanaku questi risposero che fu costruita migliaia di anni prima della loro comparsa da uomini bianchi e dai capelli rossi, verosimilmente Giganti, che loro indicarono provenire dal cielo e che in tempi lontani avevano fatto ritorno alle stelle da cui erano venuti. Chi erano? E se si considera che i singoli blocchi di pietra che formano il complesso architettonico di Tiwanaku sono pesanti quanto dieci e più automobili, quale gru dell'antichità sollevò quei macigni? Forse una civiltà evoluta aveva gli strumenti per collocare quei blocchi di pietra, dalla mole enorme, ed era in grado di farlo con strabiliante precisione? Stiamo parlando di una civiltà vissuta 8.000 anni prima delle civiltà mesopotamiche. Se si consideri che l'uomo moderno, oggi, con tutte le sue conoscenze,avrebbe serie difficoltà a collocare quei macigni  con la precisione utilizzata dagli antichi costruttori, vi ribadisco la domanda: "Chi costruì Tiwanaku?"  La civiltà evoluta di questi antichi costruttori fu spazzata forse dalla faccia della terra in seguito al diluvio universale biblico?

Ritorniamo in Egitto, fra le piramidi della piana di Giza, di cui tratta l'ultimo post da me realizzato nella giornata di ieri 29 u.s., ed analizziamo, dal punto di vista geologico, la Sfinge.

La Sfinge.

La testa della Sfinge, presso la piana di Giza in Egitto. (Fonte: Dalla rete)
La sfinge di Giza è la più grande statua monolitica del mondo: è lunga circa 74 metri, alta circa 20 metri e larga 6 metri, di cui solo la testa è 4 metri. Fu costruita, secondo l'egittologia classica, circa 2.500 anni prima di Cristo e raffigura una sfinge, più precisamente un'androsfinge, un essere mitologico con volto umano e corpo di leone accovacciato. Uno dei misteri della Sfinge, alimentato dalle leggende popolari, è certamente la presenza di passaggi nascosti al suo interno. Ne esistono almeno tre, di cui solo uno di origine nota: un breve varco senza uscita dietro la testa, effettuato nel XIX secolo da John Shae Perring e Howard Vyse durante la ricerca di una camera segreta all’interno del corpo. Gli altri due passaggi di origine ignota, uno di 9 metri che parte dalla crepa posteriore e uno nel lato nord della Sfinge, sono entrambi ciechi. L’ipotesi che all’interno del monumento ci siano camere nascoste non ha riscontri scientifici.A est della Sfinge sorgono due templi, uno di fronte alle zampe posteriori, battezzato come Tempio della Sfinge, mentre l’altro, il Tempio a valle di Chefren, si trova accanto al primo in direzione sud. Entrambi sono stati costruiti con la medesima roccia del corpo della Sfinge, e per questo sono gravemente danneggiati dall’erosione. Quando fu rinvenuto il Tempio a valle di Chefren, l’ipotesi che la Grande Sfinge fosse stata realizzata dopo la costruzione delle piramidi di Cheope e Chefren ebbe una nuova prova. Infatti, il Tempio era collegato alla Piramide di Chefren tramite una via di accesso in pietra calcarea, che era fornita di canali di drenaggio per l’acqua piovana e, sul lato settentrionale, di un grande fosso, che è tagliato in un angolo del recinto della Sfinge e bloccato con pezzi di granito, per non far defluire l’acqua nel sito. Inoltre il ritrovamento sul lato nord del recinto di tombe appartenenti all'epoca di Cheope e Chefren, avvalora l’ipotesi della realizzazione del monumento durante il loro regno o per lo meno non prima.Negli anni ottanta numerosi egittologi e geologi, tra cui soprattutto K. Lal Gauri, Mark Lehner e Z. Hassan, hanno studiato la condizione odierna di erosione della Sfinge. Il risultato fu la scoperta che il deterioramento del corpo era causato dal fenomeno di condensa notturna, assorbito per azione capillare, con evaporazione mattutina, che provoca la cristallizzazione dei sali nei pori della roccia e l’erosione in seguito all’espansione dei cristalli. Questo fenomeno è ancora attivo e può avvenire anche sotto strati di sabbia: per questo l’erosione del monumento è continuata nonostante fosse ricoperto dalla sabbia per moltissimi secoli. Sul corpo della sfinge sono presenti evidenti segni di erosione dovuti all'espozione continua all'acqua piovana, ipotesi accettata dalla comunità scientifica. L'egittologia ufficiale non sa come spiegare questo fatto, considerando che le ultime piogge in grado di sortire tali effetti nella regione di Giza risalgono alla fine dell'ultima glaciazione. È stato tentato di spiegarne la causa con le esondazioni del Nilo, ma i segni dell'erosione presenti, che presentano un'erosione più marcata in alto e meno marcata in basso, sono incompatibili con quelli che causerebbe un'erosione dovuta all'acqua del fiume, che causerebbe segni di erosione più evidenti alla base della statua. Secondo la comune opinione degli egittologi, la Sfinge appartiene all’Antico Regno, molto probabilmente al faraone Chefren della IV dinastia egizia, che la costruì intorno al 2500 a.C. Grazie agli scavi effettuati dal professor Selim Hassan, sono state rinvenute numerose prove, che collocano la sua datazione non oltre la IV dinastia; le più importanti sono le tombe rivolte a sud e l’angolo a sud-ovest del recinto che taglia il fosso, per raccogliere l’acqua piovana. Inoltre, se la testa appartiene certamente alla IV dinastia, per lo stile decorativo, l’ipotesi che fosse stata aggiunta successivamente dal faraone Chefren è stata smentita da Mark Lehner, attraverso l’analisi geologica della pietra. Numerose furono le ipotesi alternative, che volevano datare la Sfinge in tempi lontanissimi, addirittura nel 12000 a.C. – 10000 a.C. Questa datazione viene fatta considerando i segni dell'erosione presenti sul corpo della statua, simili a quelli tipicamente lasciati da una lunga esposizione alla pioggia. Le ultime piogge nella regione di Giza risalgono alla fine dell'ultima glaciazione. Da considerare anche il fatto che, a causa della precessione terrestre, nel 10500 a.C. la sfinge si trovava di fronte alla costellazione del Leone e secondo alcuni studiosi ne era proprio la rappresentazione. Solo in seguito, infatti, la testa di leone sarebbe stata scolpita nuovamente a rappresentare il faraone: è evidente infatti la sproporzione fra le dimensioni del corpo della sfinge e quelle della sua testa e la differenza di erosione, sempre tra il corpo e la testa. La Sfinge è stata costruita molto prima dell'alba della civiltà? Qui si mette in discussione l'intera storia della civiltà, un processo che parte dai cavernicoli all'uomo che conosciamo oggi. 
Nel suo libro da "Da Atlantide alla Sfinge" Colin Wilson raccoglie indizi che lui ed altri ritengono metterebbero sulle tracce di una antica civiltà molto evoluta che avrebbe avuto inizio prima della storia che ci hanno fatto studiare sui libri di scuola. Wilson prende le mosse dalla datazione della Sfinge, che molti egittologi datano nel 2500 circa per via di una lapide trovata nei dintorni. Le analisi cui è stata sottoposta la stessa Sfinge, tuttavia, mostrano che essa, a differenza delle Piramidi, è stata soggetta all'erosione dell'acqua... bisognerebbe dunque tornare indietro, e molto, a un periodo geologicamente compatibile... Ma allora manca all'appello una civiltà, per l'appunto quella che avrebbe costruito la Sfinge, e magari la medesima da cui gli egizi avrebbero assunto le loro conoscenze relative al cielo (è noto che conoscessero nel dettaglio, per esempio, la posizione di alcune stelle che solo in tempi recenti sono state studiate con precisione) e magari anche alcuni principi achitettonici. Il testo di Wilson è assolutamente denso di ipotesi e dettagliatamente argomentato, tramite l'ausilio di una ricca documentazione e di riferimenti bibliografici. La trattazione non si ferma alla sola Sfinge, ma anzi procede molto oltre: dalle civiltà precolombiane americane alla celeberrima Atlantide. Il materiale concettuale di cui si parla è vastissimo: per darne un esempio, cito un fatto tra i tanti. Sono stati scoperti dei portolani (mappe delle coste dovute alla navigazione di esploratori) antichissimi che ricostruiscono il perimetro dell'Antartide, comprensivo di promontori, foreste e fiumi! Il filosofo greco Platone descrive dettagliatamente una civiltà simile che a detta dei sacerdoti egizi esisteva migliaia di anni prima della loro comparsa, finché non fu distrutta da un enorme cataclisma. Platone la chiama: Atlantide. 

Atlantide.

Platone riporta una discussione avvenuta nel 421 a.C. ad Atene, cui parteciparono Socrate, Timeo, Ermocrate e Crizia: « Innanzi a quella foce stretta che si chiama colonne d'Ercole, c'era un'isola. E quest'isola era più grande della Libia e dell'Asia insieme, e da essa si poteva passare ad altre isole e da queste alla terraferma di fronte. (...) In tempi posteriori (...), essendo succeduti terremoti e cataclismi straordinari, nel volgere di un giorno e di una brutta notte (...) tutto in massa si sprofondò sotto terra, e l'isola Atlantide similmente ingoiata dal mare scomparve. » Nel Timeo si racconta di come Solone, giunto in Egitto, fosse venuto a conoscenza da alcuni sacerdoti egizi di una antica battaglia avvenuta tra gli Atlantidei e gli antenati degli Ateniesi, che avrebbe visto vincenti i secondi. Secondo i sacerdoti, Atlantide era una monarchia assai potente, con enormi mire espansionistiche. Situata geograficamente oltre le Colonne d'Ercole, politicamente controllava l'Africa fino all'Egitto e l'Europa fino all'Italia. Proprio nel periodo della guerra con gli Ateniesi un immenso cataclisma fece sprofondare l'isola nell'Oceano, distruggendo per sempre la civiltà di Atlantide.  Nel dialogo successivo, il Crizia, Platone descrive più nel dettaglio la situazione geopolitica di Atlantide, collocando il tutto novemila anni prima. Secondo Platone il dio Poseidone si sarebbe innamorato di Clito, una fanciulla di Atlantide, e "recinse la collina dove ella viveva, alternando tre zone di mare e di terra in cerchi concentrici di diversa ampiezza, due erano fatti di terra e tre d'acqua ...". Al centro della città vi era il tempio di Poseidone e Clito, lungo 250 metri ed alto in proporzione, rivestito di argento al di fuori e di oricalco all'interno, con al centro una statua d'oro di Poseidone sul suo cocchio di destrieri alati, che arrivava a toccare la volta del tempio. Poseidone e Clito ebbero 10 figli, il primo dei quali, Atlante, sarebbe divenuto in seguito il governatore dell'Impero. La civiltà atlantidea divenne una monarchia ricca e potente e l'isola fu divisa in dieci zone, ognuna governata da un figlio di Poseidone e dai relativi discendenti. Inizialmente il loro era stato un governo saggio e giusto ma la convivenza con i mortali li corruppe a tal punto che Zeus fu costretto ad intervenire, inabissando l'isola. Platone riferisce nel Timeo che l'isola era più grande della Libia (Nord Africa) e dell'Asia (Anatolia) messe insieme.

Continua....al prossimo post!

Fonte:

Linkografia:
  1. http://www.edicolaweb.net/edic072a.htm;
  2. http://it.wikipedia.org/wiki/Diluvio_universale;
  3. http://it.wikipedia.org/wiki/Arca_di_No%C3%A8;
  4. http://es.wikipedia.org/wiki/Imperio_incaico;
  5. http://it.wikipedia.org/wiki/Sfinge_di_Giza;
  6. http://it.wikipedia.org/wiki/Atlantide.
Bibliografia:
  1. (R. Charroux, "Civiltà Perdute e Misteriose" - Mediterranee 1973) ;
  2. Otto Muck, "THE SECRET OF ATLANTIS",1976 by GhbH Econ Verlag, Dusseldorf - Vienna;
  3. "Le Pietre di Icadi Cornelia Petratu e Bernard Roidinger, Edizioni Mediterranee;
  4. "Da Atlantide alla Sfinge" di Colin Wilson, Macrolibrarsi 1996. 

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.

Le Chiese di Palermo: Santa Caterina Vergine e Martire.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.