Coppa Italia 2010-2011: Il Palermo perde la finale contro l'Inter per 3 reti ad 1.

29 Maggio 2011.

Il Palermo perde la finale della Coppa Italia Tim-Cup 2010-2011 contro l'Inter per 3 reti ad 1. Sebbene i rosanero abbiano giocato una partita eccellente, macinando gioco ed azioni per tutti i novanta minuti, l'Inter, cinica e spietata, forte della presenza in rosa dei suoi fuoriclasse, Eto'o in testa, sfruttando le uniche tre azioni degne di nota di tutta la partita, ha vinto il titolo perforando la rete alle spalle del portiere rosanero, Sirigu, per ben tre volte. Inutile il goal, nel secondo tempo, di Munoz, quando il risultato era sul 2 a 0 per i neroazzurri, doppietta di Samuel Eto'o, in quanto l'Inter passa e chiude la partita, nel recupero, con Milito che, servito da Pandev, a pochi metri dal portiere trafigge per la terza volta la porta della nostra squadra del cuore. I rosanero possono recriminare un rigore non concesso per atterramento in aria di Pinilla, che avrebbe portato il risultato in parità mentre l'Inter si trovava in vantaggio per una rete a zero, e diverse occasioni sprecate, fra tutte quella concretizzatasi al 18' del primo tempo quando Pastore, a tu per tu con l'estremo difensore neroazzurro, sbaglia clamorosamente. Opaca la prestazione di Cassani che, nostro malgrado, si rende artefice in negativo degli uomini di mister Delio Rossi in quanto è proprio da due suoi svarioni difensivi che Eto'o realizza la prima e la seconda rete. Alla fine ricorderemo di questa amara sconfitta la grande emozione che i nostri tifosi ci hanno saputo regalare recandosi in trentacinquemila sugli splalti all'Olimpico, ed invadendo bonariamente le strade capitoline, le lacrime del capitano Fabrizio Miccoli e quelle del mister Delio Rossi ad un passo da regalarci il nostro primo trofeo. Nella speranza che tutti noi tifosi non dobbiamo aspettare altri trentadue anni per disputare l'ennesima finale di Coppa Italia, mi congedo da voi dicendo, come sempre, Forza Palermo!!!

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.