A Sciacca (AG) dove l’arte si “vota e si rivota”.

Sciacca (AG) in Sicilia meridionale(Italia),vista dal porto di pesca nel 2003. (Fonte: Dalla rete)
18 Agosto 2011.

Sciacca (Ag) -  Fino al 23 agosto “Mi votu e mi rivotu” cantava la magica voce di Rosa Balistreri. Oggi quello stesso senso d’irrequietezza che è parte del termine, è il cardine di una mostra tutta al femminile che potrete godere nella suggestiva cornice del centro storico di Sciacca, alle spalle del Duomo normanno risalente al XII secolo, proprio sotto l’abside, dove si apre il Vicolo Orfanotrofio. “Nella tradizione siciliana – si legge in catalogo - mi votu e mi rivotu è uno struggente canto d’amore, un grido scritto su quel lenzuolo che con incondizionata passione dà voce a quei grovigli”. Giovani e forti, dieci artiste tutte da esplorare. Info: 347.8623799.

Fonte:
  1. http://www.siciliaweekend.info/.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.

Il Barocco e il Serpotta.