Il Palermo "Mangia" l'Inter. Storica vittoria dei rosanero per 4 a 3.

Palermo, 11 Settembre 2011: L'esultanza dei rosanero alla fine della partita vinta per quattro reti a tre sulla corazzata Inter (Fonte: http://www.palermocalcio.it/)
L'esordio nel campionato di Serie A del tecnico Devis Mangia, sino a qualche mese fa sconosciuto ai tifosi rosanero, coincide con un risultato storico: il Palermo batte l'Inter per quattro reti a tre. Ed ora i tifosi, sino all'altro ieri polemici con la società, sperano in una stagione esaltante.

12 Settembre 2011.

Poco prima del fischio d'inizio dell'arbitro Brighi di Cesena suppongo che nessuno dei tifosi rosanero presente sugli spalti del Renzo Barbera (poco più di 20.000 persone), e/o quelli seduti comodamente sul divano di casa per guardare la diretta tv dell'evento sportivo, pensasse che i propri beniamini fossero in grado di battere i campioni del mondo in carica dell'Inter per quattro reti a tre, tenuto anche conto delle deludenti prestazioni degli undici rosanero delle ultime partite, ultima quella con il Napoli che ha costretto la dirigenza di viale Del Fante ad esonerare Pioli, nonché il breve lasso di tempo(appena tredici giorni) che ha avuto il neo allenatore, Davis Mangia, ad allestire una squadra che potesse competere con i neroazzurri; eppure alla fine si sono dovuti ricredere. Il risultato finale è stato Palermo 4 Inter 3. Un risultato storico. Il Palermo di Zamparini era riuscito a battere l'Inter in casa nella seconda giornata del campionato 2005/2006 allorquando i rosanero superarono l'Inter per tre reti a due.
Il Palermo parte fortissimo e con un pressing asfissiante costringe gli uomini di Gasperini a non varcare la linea della propria metà campo per ben trenta minuti. Il Palermo sembra rinato dalla cura e dal lavoro di Mangia. Gli uomini di mister Mangia non si concedono un minuto di tregua e rincorrono ogni pallone in mezzo al campo. Il Palermo macina gioco e si rende pericoloso sin dalle battute iniziali. Miccoli al 4' del p.t. conquista palla in scivolata su un difensore avversario sulla sinistra dell'area avversaria e successivamente con un cross serve Hernandez che colpisce di testa d'istinto costringendo Julio Cesar a respingere sul primo palo.
Il pessimismo iniziale che aleggiava sugli spalti di colpo svanisce ed i tifosi rosanero sognano un'altra impresa dei propri beniamini. Il Palermo gioca bene ma, come succede spesso nel calcio, è l'Inter al 32' del p.t. a passare in vantaggio: Sugli sviluppi di un calcio d'angolo Stankovic tira male da fuori, ma la sua conclusione si trasforma in un assist per Milito che insacca da due passi. L'Inter si ritrova avanti senza neanche sapere come. Lo dimostra il fatto che Gasperini richiama in panchina uno Zarate nullo e inserisce Sneijder. Il primo tempo finisce senza sussulti.I rosanero inizano la ripresa come meglio non potrebbero. Al 3' Barreto lancia in profondità Miccoli che stoppa e batte con un tocco morbido Julio Cesar. Due minuti più tardi, però, Silvestre trattiene Samuel in area. Brighi decreta il penalty, Milito firma la doppietta. Lo scoppiettante avvio di ripresa non ha però ancora finito di riservare sorprese: all'8' Miccoli entra in area dalla destra su suggerimento di Ilicic, assist perfetto per Hernandez che insacca di piatto. Ora i rosanero cercano il vantaggio: al 20' Ilicic viene smarcato splendidamente da Hernandez, ma il suo sinistro viene respinto da Julio Cesar. Le due squadre, ormai lunghe, provano a superarsi con continui capovolgimenti di fronte. Stankovic tira al volo su assist di Sneijder, ma non centra la porta. La festa, per il pubblico rosanero, arriva nel finale. A 5' dal termine, un autentico gioiello di Fabrizio Miccoli su punizione illumina la serata del "Barbera". E non è l'unica perla degli ultimi minuti di gara: al 43' Pinilla si accentra ed esplode un gran destro che si insacca sotto la traversa. Nel finale, la rete di Forlan non spegne l'entusiasmo dei sostenitori rosanero. La rivincita della finale di Tim Cup è servita: le indicazioni per Mangia sono ottime, il nuovo Palermo resta in grado di far sognare tutti i suoi tifosi.

Fonte:

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.