A Luglio acquisti calati del 2,4% rispetto al mese di Luglio del 2010.


(Fonte: Dalla rete)

24 Settembre 2011.

Rispetto a luglio 2010, la tendenza alla diminuzione è generalizzata: l'indice grezzo del totale delle vendite segna un calo del 2,4%, le vendite di prodotti alimentari diminuiscono del 2,0% e quelle di prodotti non alimentari del 2,6%.

L’Istat: rispetto allo stesso periodo del 2010, nel mese di luglio di quest’anno gli acquisti sono calati del 2,4 per cento (meno 0,1 rispetto a giugno 2011). 

E sia i commercianti che i consumatori sono d’accordo nel dire che nei prossimi mesi il dato peggiorerà ulteriormente.Gli iPad, i telefonini, creme e profumi sono gli unici prodotti in crescita o quanto meno in tenuta, tutto il resto — per le famiglie italiane — è stato materia di tagli. Hanno rinunciato a cambiare gli elettrodomestici e la tivù (meno 7,4 nell’anno), hanno alleggerito il carrello della spesa (meno 2 per cento), hanno comperato meno vestiti e scarpe. 

Per saperne di più:



I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.