Mutui in internet: cresce la fiducia.


19 Ottobre 2011.

In aumento l'importo medio di finanziamento e gli acquisti per la prima casa.
Mutui in internet: cresce la fiducia degli utenti/consumatori.
L'osservatorio di mutui-internet.it: «Aumentate anche le domande per le seconde case».

Aumenta la fiducia nei confronti dei canali telematici per la richiesta e l'accensione di finanziamenti on-line. 

Lo sottolinea la terza trimestrale dell'osservatorio mutui di Mutui-internet.it, portale dedicato alla reale consulenza in merito ai finanziamenti web che, dal gennaio di quest'anno, ha dato vita a un centro studi permanente per analizzare l'andamento del mercato on-line. L'importo medio richiesto dalle persone che si rivolgono al web per accendere un finanziamento si è attestato sui 157.785 euro (nel secondo trimestre era di 153.228) per un toale di quasi 2,4 mliardi di euro di importo finanziato richiesto dai quasi 15mila utenti che si sono rivolti a mutui-internet.it (14.893, per l'esattezza). «Si tratta di un dato molto lusinghiero -è il primo commento di Enrico Piacentini, responsabile web-marketing di mutui-internet.it- perché da un lato vediamo che la nostra proposta ottiene molta soddisfazione da parte dei consumatori, dall'altra premia la nostra strategia di lavoro». Mutui-internet.it, infatti, è l'unico portale web dedicato ai finanziamenti on-line che segue il cliente dal primo contatto fino alla chiusura della pratica: «La quasi totalità dei servizi on-line dedicati ai finanziamenti, soprattutto per i mutui prima casa -continua Piacentini- si limitano a offrire le condizioni migliori tra un panel di offerte che sono attenatemente selezionate. La fase di stipula dei contratti, però, non viene seguita dai portali internet. Nel nostro caso, oltre alla consulenza on-line, diamo supporto al cliente fino alla firma del contratto con gli istituti di credito».

Nel dettaglio, delle 14.893 richieste pervenute il 77,51% sono state inoltrate per l'acquisto della prima abitazione; il 7,27% per ottenere surroghe (ossia la portabilità del proprio mutuo da una banca a un'altra), il 5,67% per l'acquisto della seconda abitazione (dato in aumento rispetto al precedente trimestre che era del 5,25%), mentre il 4,19% per "sostituzione+liquidità". Il totale dei finanziamenti richiesti si è attestato sui 2 miliardi e 400milioni di euro per una media di finanziamento di 157.785 euro. La durata media dei finanziamenti è salita, rispetto al precednte trimestre, e si è assestata sui 26 anni (era di 23 anni nel secondo trimestre), mentre il reddito medio dei richiedenti è di 2.406 euro. Interessanti anche le occupazioni lavorative dei richiedenti: per l'85,22% sono lavoratori dipendenti a tempo indeterminato; per il 6,13% autonomi con partita Iva; il 3,38% liberi professionisti, il 3,03% dipendenti a tempo determinato e l'1,54% pensionati. Territorialmente, è interessante notare quanto le richieste siano differenti a seconda delle regioni. In Campania, ad esempio, la percentuale di richieste per "sostituzione+liquidità" nel terzo trimestre è stata del 10,13% mentre nel Lazio del 4,3% mentre in Piemonte, Toscana e Veneto sono state tra il 2 e il 3,5% mentre in Lombardia solo l'1,92%. La surroga rappresenta il 10,7% delle richieste provenienti dall'Emilia Romagnam il 9,52% di quelle della Sicilia mentre Lombardia e Lazio si attestano intorno al 7%. Dalla Puglia, infine, il 20,83% delle richieste pervenute è finalizzata al "consolidamento debiti" (che ha un impatto del 2,3% su scala nazionale).


Il progetto mutui-internet.it.
www.mutui-internet.it è un sito progettato sull'esperienza del web marketing e studiato per essere una preziosa bussola in un mondo complesso e non sempre di facile comprensione. In un unico portale sono state condensate le più elevate strategie web e una professionalità più che decennale nel campo della consulenza. Progettato insieme al web marketing lab di Siseco, società con sede a San Vittore Olona (Milano), mutui-internet.it è un vero e proprio laboratorio dove si mettono a punto le strategie più efficaci e all'avanguardia per un mercato sempre più in espansione come dimostrato dai dati della School of management del Politecnico di Milano: nel 2010, secondo l'istituto, il fatturato on-line italiano ha avuto un incremento del 14% sul 2009 attestandosi a 6,5 miliardi di euro. Nello specifico, invece, stando a un'indagine dell'inserto di «Repubblica» Affari e finanza, la ricerca di mutui on-line in Italia è in crescita, ma il gap con gli altri Paesi europei è ancora molto elevato; nel 2009, infatti, la popolazione adulta che ha effettuato ricerche web per accedere un mutuo è stata del 10% contro il 18% di Francia, il 21% della Spagna, il 26% della Germania e il 43% della Gran Bretagna. Circa l'8% dei mutui contratti nel nostro Paese nel 2010 è arrivato da internet. Una percentuale che, per il 5% è stata effettuata da operatori che hanno anche sportelli fisici sul territorio. Il restante 3% da operatori che attuano il brokeraggio on-line.



Ufficio stampa mutui-internet.it: Eo Ipso
Info: Stefano Morelli - Cell. 335.5920810 - Mail. smorelli@eoipso.it

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.