Lo sapevate che.....“chi mangia uva a Capodanno conta i quattrini tutto l’anno” ? Auguri!...


(Fonte: dalla rete)

28 Dic. 2011.

Lo sapevate che secondo un’antica tradizione tramandata dai Druidi appenderne dei rametti di muschio sulle porte della propria abitazione, la notte del 31 dicembre, garantisca pace e serenità e allontani gli spiriti maligni? Questi ultimi potrete anche scacciarli avendo cura di aprire una finestra in una stanza buia poco prima della mezzanotte, tenendone aperta un’altra in una stanza luminosa, così da far entrare gli spiriti del bene, come recita la tradizione.  


Lo sapevate che le lenticchie non dovranno mancare sulle vostre tavole a Capodanno? Al tempo dei romani, le lenticchie simboleggiavano l’abbondanza e il denaro. Lo sapevate che zampone e cotechino, e a seguire la carne di maiale, tra le più nutrienti, rappresentano l’abbondanza sulla tavola auspicando un anno ricco e fortunato?


Lo sapevate che “chi mangia uva a Capodanno conta i quattrini tutto l’anno” ? Anticamente, poter raccogliere l’uva in questo periodo significava aver avuto un raccolto abbondante. Anche la melagrana non dovrà mancare sulle tavole simbolo di fedeltà e fecondità, consumata con il proprio compagno vi assicurerà devozione prosperità all'interno della coppia. Il colore dei chicchi di questo frutto ci porta ad un’altra usanza famosissima ovvero indossare biancheria intima di colore rosso nell'ultima notte dell’anno; forse ciò che non tutti sanno, però, è che l’indumento dovrà essere gettato via il giorno dopo. Solo così si conquisteranno amore e fortuna. Tra le usanze più rumorose e, in alcuni casi più pericolose, ci sono i botti e i fuochi d’artificio: oggi simbolo di gioia e di festa, fatti esplodere allo scoccare della mezzanotte scacciano gli spiriti cattivi. 

Lo sapevate che gettar via, invece, cose vecchie rotte dalle finestre, soprattutto in passato, equivaleva ad abbandonare l’inutile e far spazio al nuovo. Infine, se proprio volete rispettare tutti i dettami e assicurarvi dodici mesi di fortuna, il primo giorno dell’anno, uscendo da casa, badate ad avere delle monete in tasca; se poi incontrerete sul vostro cammino un anziano o un gobbo allora sarete davvero baciati dalla fortuna. L’anziano, infatti, è sinonimo di vita longeva mentre il gobbo di buona sorte. Per concludere,considerati i tempi di crisi, non storcete il naso se proprio il giorno di Capodanno dovessero chiedervi del denaro in prestito, anzi siatene contenti: si dice che tornerà indietro centuplicato.


A U G U R I !

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.

Il Barocco e il Serpotta.