Presentazione del libro "E un giorno mi svegliai" di Francesco TOSCANO.

Questo contenuto richiede Adobe Flash Player versione 8.0.0 o maggiore. Scarica Flash

L'Abduction (Fonte: dalla rete)
15 Ottobre 2012.
E un giorno mi svegliai

L’umanità salvata dagli antichi dèi provenienti dal pianeta Nibiru.

di
Francesco Toscano
 Tutti i diritti letterari di quest’opera sono di proprietà di:
© 2012, Francesco TOSCANO.
Sito web e blog:
Facebook:
Twitter:
E-mail:

CAPITOLO 1

Il tempo del non tempo.

“Non c’è bisogno di aspettare il 21 dicembre 2012 – nella “fine del mondo” ci siamo dentro in pieno ed è relativa ad una condizione umana, oramai svuotata di ogni suo originario significato, motivo e finalità. Tutti mentono a tutti, e la verità – la somma eresia – é evitata come un virus mortale. Il relativismo etico, ha trasfigurato l’umanità in una moderna torre di Babele, dove tutto è il contrario di tutto e la contrapposizione fra ciò che é bene e ciò che é male, ridotta a stucchevole e retorica controversia. La vera morte è quella dello spirito e tutto ciò che resta, non è che tortura, vuoto, paura e schiavitù. La Fine è dunque alle porte, ma sembra che nessuno se ne occupi. Nel frattempo i Padroni della Terra, imperturbabili, considerano nuove speculazioni finanziarie.[1]
Ricordo con gioia quei giorni in cui giocavo ancora con le pinze per stendere la biancheria di mamma nel balcone di casa, all’interno della mia “astronave aliena”. Sì, della mia astronave aliena, avete capito benissimo. Avevo costruito nel mio immaginario di bambino una nave spaziale che mi permettesse di sconfiggere la civiltà aliena millenaria che da lì a poco avrebbe invaso la Terra e sterminato il genere umano, all’apice, forse, della sua evoluzione. Ricordo le giornate assolate che trascorrevo sereno nella mia tormentata Palermo, città dai mille contrasti, ma anche terra di antiche civiltà oggi scomparse che hanno segnato la storia dell’umanità.
Ero un bambino a quel tempo e il mio unico scopo era di “sconfiggere il male e far sì che il bene primeggiasse e trionfasse su tutto e tutti”. Non pensavo che un giorno quello che la mia mente da bambino aveva immaginato si potesse realizzare. Decenni dopo mi sono appassionato di ufologia; ho preso coscienza del cover-up portato avanti dai governi delle maggiori potenze mondiali per insabbiare il fenomeno UFO ed alieni; e mio malgrado mi sono reso conto che non siamo pronti per accettare questa cruda realtà, cioè la possibilità che non esista nessun Dio, almeno come ce lo hanno descritto sin dalla nascita, e che io ed il resto dell’umanità di questo piccolo mondo non siamo altro che il frutto di un esperimento scientifico portato avanti centinaia di migliaia di anni orsono sulla Terra da un’antica civiltà aliena, costretta giocoforza a cercare nel sistema solare in cui era collocato il suo pianeta di origine, un valido rimedio per poter curare l’atmosfera del loro mondo morente.
E’ difficile crederci, ma quello che ho visto negli ultimi giorni mi porta a pensare che se avessimo saputo la verità, quella che sconvolge e che pone degli inquietanti interrogativi, forse saremmo stati in grado di salvarci e di salvare tantissimi nostri simili.
Gli antichi Maya, venni a sapere un giorno, credevano che durante il “tempo del non tempo”, cioè l’ultimo decennio prima della fine dei tempi, e convenzionalmente accettato dalla corrente new age come il periodo storico che va dal 1992 al 2012, l’umanità tutta si sarebbe accorta del pericolo che stava per correre.
In particolare, ricordo di aver appreso, un giorno, di come l’élite dominante avrebbe da lì a poco posto in essere una serie di comportamenti tesi a garantire la sopravvivenza del genere umano. Poveri sciocchi, pensavano di scampare al pericolo imminente che incombeva sul nostro mondo, sperduto ai margini di una Galassia a spirale facente parte della vastità dell’Universo oggi conosciuto, non più in religioso silenzio.
In televisione i Tg di tutto il mondo raccontavano ai telespettatori del crescente fenomeno di avvistamenti di oggetti volanti non identificati e si dichiarava, seppur velatamente, che il tempo era quasi giunto al termine.
Ma io non ci volevo credere e speravo che queste visioni fossero soltanto il frutto di alcune elucubrazioni mentali di qualche stolto ufologo e/o di qualche visionario teorico dell’imminente Apocalisse.  Io, Salvatore Cuzzuperi, per gli amici Salvino, che sin da bambino avevo sperato che nessun extraterrestre arrivasse a minacciare l’umanità, credendo che fosse soltanto il frutto della mia immaginazione di un bambino che trascorreva parte della sua quotidianità davanti la Tv a guardare i cartoni animati di Goldrake, Ufo Robot, Mazinga Z, Jeeg Robot, purtroppo mi sono dovuto ricredere.
Era un giorno di fine Aprile dell’anno 2011. Non sono in grado di dirvi il perché, ma mi decisi a creare un blog su Internet che mi permettesse di raccontare ad una vasta platea, certamente un’umanità multi variegata, di come eravamo nati, di chi o che cosa ci aveva creati, del perché e del per come la storia dovesse essere rivista. Cominciai a documentarmi.
Dapprima appresi dell’esistenza di alcuni teorici “dell’ipotesi extraterrestre”, cioè della possibilità secondo la quale all'origine della civiltà umana vi sarebbe un popolo alieno, proprio come sostengono le varie mitologie di molte civiltà scomparse quando parlano di «dèi venuti dal cielo».
I miei cari avevano notato in me alcuni cambiamenti. Ricordo con grande preoccupazione, quasi ansimando, quella notte in cui, durante il sonno, mi alzai di scatto e sedutomi al centro del letto matrimoniale, urlai con tutto il fiato che avevo in corpo la mia paura davanti agli eventi nefasti che da lì a poco si sarebbero compiuti, e di come strinsi mia moglie ai fianchi, poveretta, nell’intento di trovare un appiglio e non precipitare all’interno del baratro, sull’orlo del quale mi stavo inconsapevolmente incamminando.
Quella notte mi passarono in mente, come in un film dell’orrore, mille e più pensieri, ed ebbi la sensazione di rivivere la mia breve esistenza, e di come mi dovessi attivare e preoccupare al fine di salvare me stesso ed i miei cari dall’imminente pericolo che incombeva sulle nostre teste.
Ad un certo punto della mia vita non seppi più chi ero, che cosa volevo, e soprattutto che cosa stavo cercando di scoprire. Mi recavo sul luogo di lavoro il più delle volte senza il sorriso sulle labbra, come se mi fosse morto il gatto, o se mi fosse accaduto qualcosa di grave.
I miei colleghi prendevano le distanze da me quasi fossi un antico untore. Ero considerato un eretico o giù di lì. Riuscire a descrivere me stesso non è stato da sempre il mio forte. In questo libro cercherò, tuttavia, di provarci. Ho sempre avuto un carattere introverso, ma non sono in grado di dirvi il perché. Solo dopo aver vinto il mio primo concorso pubblico, sollecitato a far bene dalla donna della mia vita, l’Universo che mi circondava è cambiato e, finalmente, sembrava cominciare a sorridermi. Ritornando agli ultimi giorni da me vissuti come appartenente alla stirpe di Adamo posso solo dirvi che non è stato il massimo dell’aspirazione che un uomo, nel mezzo del cammino della sua vita, possa raggiungere.
Qualcuno un giorno mi disse: «Sai gli Anunnaki stanno ritornando!»
Ed io gli risposi: «Chi sta ritornando?»
Non sapevo, a quel tempo, che gli esseri a cui quell’amico si riferiva avevano segnato la nostra storia, la storia dell’umanità intera, storia in parte raccontataci da alcuni antichi testi sumerici, poi sfociati nel pentateuco biblico, cioè i primi cinque libri della Bibbia che per gli Ebrei rappresentano la Torah, cioè i libri della Legge, e per noi che abbiamo ricevuto il Battesimo di Santa Romana Chiesa i primi cinque libri dell’Antico Testamento che narrano la Genesi del genere umano. Di quel dì in cui la mia vita cambiò per davvero, ricordo solo che era un caldo pomeriggio di fine estate. L’aria era afosa, soffocante, come spesso accade in Sicilia nei mesi estivi.
Ricordo che ero alla guida della mia utilitaria quando ad un tratto un arcano presagio mi sfiorò la mente. Non sono in grado di dirvi di che cosa si trattasse.
Il cuore mi balzò in gola, il respiro si fece affannoso e fui costretto ad accostare l’auto sul margine destro della strada per riprendere fiato.
Boccheggiavo, ero sudato, ed avvertivo un forte dolore al costato. Pensai subito che fossi rimasto vittima di un infarto, ma non era così.
Ero nel mezzo del nulla. Tutta la vita intorno a me sembrava che si fosse fermata del tutto. Ad un tratto, alzando gli occhi in cielo, mi resi conto di non essere da solo. Qualcuno o qualcosa mi stava fissando.
Ebbi paura. Corsi allora all’interno dell’abitacolo della mia autovettura.
Chiusi istintivamente la portiera come colui il quale da lì a poco sarebbe stato sopraffatto dagli eventi e cercai senza riuscirvi di riavviare il motore; macché non ne voleva proprio sapere, come se ad un certo punto anche a lui fosse mancato il respiro per gli eventi che si stavano compiendo in quel luogo ed in quel preciso istante. Guardai di scatto l’orologio che portavo al polso ma mi sembrò come se le lancette si fossero fermate, come se fossero implose su se stesse, e rimaste immobili in un certo tempo di un Universo che ormai non mi apparteneva più. Ad un tratto un voce cupa mi disse: «Non avere paura. Io sono colui che sono. I tuoi avi mi conobbero come E.A., figlio di Anu, EN.KI.[2] il “Signore della Terra”.»
Mi girai istintivamente a cercare l’origine del suono che pensavo provenisse dalla parte posteriore dell’abitacolo della mia autovettura in avaria, ma non vidi nessuno. E la stessa voce udita poco prima mi disse continuando:
«Il tempo è compiuto! Il ritorno di Nibiru, profetizzato al tempo di Shumer[3] nella terra della Mezzaluna Fertile, è ormai vicino.»
Ed io:
«Chi sei? Cosa vuoi da me? Perché non mi lasci andare e mi permetti di riprendere la vita che conducevo sino a qualche istante fa?»
Quell’essere di cui non riuscivo a vedere il volto, né le fattezze, ma che mi permetteva solo di udire la sua voce, continuò dicendomi: «Sono ritornato sulla Terra per ristabilire quel patto di alleanza che feci con Adapa[4]figlio di EN.KI., figlio di una terrestre, primo uomo civilizzato; l’Adamo della Bibbia. Seguirai il volere degli antichi dèi di cui hai narrato le gesta negli ultimi giorni della tua breve esistenza.»
Non ricordo nient'altro di ciò che mi accadde, come se qualcuno o qualcosa avesse cancellato i miei ricordi volutamente. Mi risvegliai all’improvviso in un luogo a me sconosciuto dove tutto mi sembrò appartenere ad un mondo che non avrei mai pensato potesse esistere, lontano anni luce dalla realtà che mi circondava e che avevo vissuto nel “tempo del non tempo”. Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

[1] Tratto dal sito http://www.stampalibera.com/?p=36972.
[2] Enki è un dio della mitologia sumera, più tardi conosciuto come Ea in accadico e nella mitologia babilonese. Originariamente era identificato come la divinità protettrice di Eridu, la capitale religiosa dell'antica Mesopotamia. Più tardi l'influenza del suo culto si diffuse in tutta la Mesopotamia, nella regione di Canaan e tra gli Ittiti e gli Hurriti. Era la divinità dei mestieri (gašam), del male, dell'acqua, del mare, dei laghi (a,aba,ab), della sapienza (gestú, letteralmente "orecchio") e della creazione (Nudimmud: nu, somiglianza, dim mud, fare orso). È stato associato alla fascia meridionale delle costellazioni chiamate stelle di Ea, ma anche con la costellazione AŠ-IKU, il quadrato di (Pegaso). Il suo numero sacro è il 40.
[3] Nel gennaio 1869 Jules Oppert suggerì alla Società Francese di Numismatica e Archeologia di dare formale riconoscimento a una lingua e a un popolo pre-accadico. Partendo dalla constatazione che coloro che per primi governarono la Mesopotamia traevano legittimazione dall'assunzione del titolo di "re di Sumer e di Akkad", egli suggerì di chiamare il popolo "Sumeri" e la loro terra "Sumer". A parte l'errata pronuncia del nome - avrebbe dovuto essere Shumer, non Sumer - Oppert aveva ragione. Sumer non era affatto una terra misteriosa, lontana, ma l'antico nome della Mesopotamia meridionale, proprio come affermava il Libro della Genesi: le città reali di Babilonia, Akkad ed Erech si trovavano "nella terradi Shin'ar" (Shin'ar era il nome biblico di Shumer). (Cfr pag. 30 del libro “Il pianeta degli dèi” di Z. Sitchin, Ed. Piemme Bestseller, ISBN9788856618235.)
[4] Adapa è un personaggio della mitologia mesopotamica, sacerdote e figlio del dio Enki, protagonista dell'omonimo mito .Le attestazioni letterarie più antiche risalgono ad un testo babilonese del XIV secolo a.C., rinvenuto in Egitto, mentre le più recenti provengono dalla biblioteca del re assiro Assurbanipal, del VII secolo a.C. Recentemente è stato rinvenuto un analogo testo in lingua sumerica, non ancora pubblicato. Secondo il racconto, Adapa ha ricevuto dal padre divino il dono della saggezza, ma non quello della vita eterna. La sua funzione è quella di accudire alla mensa del tempio del dio Ea, di cui è custode e sacerdote, nella città di Eridu (odierna Abu-Shahrain in Iraq), anticamente prospiciente il Golfo Persico, e a tale scopo si dedica quotidianamente alla pesca. In un giorno, però, in acque calmissime, la sua barca viene rovesciata da Shutu, divinità femminile del Vento del Sud. Adirato Adapa scaglia una maledizione contro la dea e le spezza le ali. L'assenza naturale del vento comporta uno stravolgimento dei cicli vegetali, e Adapa viene chiamato al cospetto del dio del Cielo Anu per essere giudicato. Salvatosi grazie ai consigli del padre Enki/Ea, è perdonato dal dio Anu, il quale gli offre un vestito e dell'olio, tradizionali doni orientali d'ospitalità, ed anche il pane e l'acqua della vita, che gli avrebbero presumibilmente permesso di divenire immortale. Adapa accetta i primi doni, ma sempre su consiglio del padre rifiuta i secondi, mantenendo così la sua natura mortale. La problematica e l'eventuale simbologia che offre il testo sono tutt'altro che chiare, e molte sono le interpretazioni che gli studiosi hanno proposto. Allo stato attuale degli studi ancora in corso gli viene riconosciuta la natura sapienziale, confermata dal termine Apkallu (antico saggio ed esorcista) che la tradizione babilonese gli ha uniformemente attribuito.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.

Le Chiese di Palermo: Santa Caterina Vergine e Martire.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.