MOSTRA PERSONALE DEL CERAMISTA MARIO LO COCO "LA TERRA E I COLORI", GIOVEDI' 14 NOVEMBRE 2013, GALLERIA XXS PALERMO.

       



MOSTRA PERSONALE DEL CERAMISTA MARIO LO COCO

LA TERRA E I COLORI
Inaugurazione giovedì 14 novembre ore 19

Galleria XXS aperto al contemporaneo
Via XX Settembre 13 Palermo


Sarà inaugurata giovedì 14 novembre, alle ore 19, negli spazi espositivi della galleria XXS aperto al contemporaneo, sita a Palermo in via XX Settembre nr. 13, la personale dell’artista monrealese Mario Lo Coco. Una raffinata selezione di opere ceramiche di recente realizzazione, nel cui misurato e armonico incedere spaziale si attua a perfezione la sintesi ideale di volume e di colore.  
Ceramista di notevole inventiva e non comune manualità, Lo Coco è infatti artefice d’un originale linguaggio visuale, in grado di contemperare il ragionato sviluppo delle forme nello spazio – tipico della scultura – e la penetrante forza dell’impatto coloristico – propria della pittura –. Ricorrendo a modalità espressive squisitamente contemporanee, attraverso un sistematico percorso di ricerca e sperimentazione (integrando, da vero alchimista, materiale argilloso con paste vitree, inserti metallici e smalti policromi), egli ha saputo per tanto condurre l’arte ceramica da quell'ambito artigianale e “minore”, in cui viene abitualmente (ed erroneamente) confinata,  a quel rango decisamente più importante ed elevato, che è riconosciuto abitualmente alle discipline artistiche complete e “maggiori”.
Non pago d’un lessico visivo di tipo classicamente figurale, in questa serie di opere di recente produzione, Lo Coco ha voluto non a caso esplorare i territori linguistici dell’astrazione, optando per soluzioni più caratteristicamente informali, in cui il libero fluire dell’argilla e dei colori si fa pienamente carico della esplicitazione di profondi contenuti emozionali ed affettivi. Ne è così venuta fuori una serie di ceramiche dal caratteristico andamento spaziale nastriforme, tendenti a snodarsi linearmente su lastre diafane di plexiglass, in peculiari composizioni di svariati elementi ipercromici e leggermente aggettanti, ove segni, colori e volumi si amalgamano in un unicum sintetico ed omogeneo di forte e pervasivo impatto visuale. Tradizione e innovazione, dunque, si incontrano e sposano armoniosamente in queste ceramiche dall’aspetto al contempo etereo e ctonio, a dimostrazione di come un valente artista contemporaneo possa ancor oggi esaltare le illimitate potenzialità estetiche d’una arte antica e plurimillenaria. La mostra, curata da Salvo Ferlito, potrà essere vista fino al 28 novembre, dal martedì al sabato, dalle 17 alle 20.               

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.