Internet e la crisi rivoluzionano il mercato di seconda mano.

  
In tempi di crisi il second hand è il modo migliore per dare una seconda vita a prodotti o servizi che non utilizziamo più e offre anche nuove opportunità di lavoro.

Madrid, 7 aprile 2014 – Una nuova generazione di siti web sta cambiando l'immagine che abbiamo della compravendita dei prodotti utilizzati. Con la crisi, il consumo di articoli di seconda mano è diventato una delle scelte preferite degli utenti, il modo migliore per dare una seconda vita a prodotti o servizi che non utilizziamo più.Molti imprenditori hanno approfittato di questa nuova tendenza per creare nuovi mercati in rete. Dai vestiti per bambini ai libri di testo, dagli abiti da sposa fino ai servizi che per un imprevisto dell’ultim’ora ci rendiamo conto di non poter più utilizzare, come il biglietto di un aereo o di un treno. Di fato qualsiasi prodotto che può essere utilizzato da un altro utente può avere una seconda possibilità attraverso i canali di vendita della rete.

Un settore in forte crescita non soltanto perché promette un risparmio, ma anche una seconda chance per coloro che hanno perso il lavoro. Il mercato dell'usato in Italia impiega almeno 80mila persone, occupate sia nella rivendita degli oggetti che altrimenti sarebbero finiti in discarica, sia nelle riparazioni di vestiti, scarpe ed elettrodomestici.

A rivalutare il riutilizzo degli oggetti di seconda mano non è unicamente l'impoverimento delle famiglie, ma il cambiamento della filosofia del consumo: il 48% della popolazione ammette di acquistare l'usato e il 41% pensa di continuare a farlo in misura maggiore rispetto agli anni scorsi. A dichiarare amore incondizionato per il “second hand” sono soprattutto i giovani e le persone colte e attente all'ecosostenibilità. Lo sostiene il quarto Rapporto nazionale sul riutilizzo 2013 dell'associazione Occhio del Riciclone con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente, che addirittura quantifica per la prima volta il beneficio ambientale dell'usato: ogni negozio dedicato alla seconda mano evita l'emissione di 475 tonnellate di Co2 equivalente.

Secondo lo studio, prosperano non i classici rivenditori dell'usato (eredi degli antichi rigattieri) bensì i mercatini che accettano la merce dismessa dei privati assicurando loro una percentuale sulla eventuale vendita.  Siti come Babybazar e ePrice sono solo alcuni degli evidenti riflessi di questa tendenza.

Ma il web come sempre non restringe i campi di ricerca, bensì allarga gli orizzonti e uno dei più recenti sviluppi è l'acquisto e la vendita di biglietti per spettacoli ed eventi, che di solito non sono rimborsabili attraverso i canali ufficiali. Ticketbis è una piattaforma spagnola che funge da intermediario tra acquirenti e venditori del biglietto, venendo in contro alle esigenze di un gran numero di utenti di tutto il mondo.
Se avete perso l’occasione di comprare il biglietto per il concerto, o per l’evento sportivo, al quale tenevate tanto al momento dell’emissione perché sono andati a ruba nel giro di poche ore, il sito in questione vi offre un’ultima chance. Ovviamente, anche nel caso in cui non possiate più andare e la preoccupazione, soprattutto in periodi come quello attuale, diventa quella di recuperare i soldi spesi.

"Più di 6 milioni di utenti che hanno utilizzato la nostra piattaforma sono la prova che vi è una sempre crescente domanda di servizi di compravendita non solo di beni materiali, ma anche di servizi e intrattenimento", spiega Ander Michelena , co-fondatore di Ticketbis.com assieme a Jon Uriarte .

In rete è possibile imbattersi in una discreta quantità di nuovi portali, con una filosofia simile a quella di Ticketbis, attraverso i quali è possibile vendere beni intangibili "di seconda mano": Hall Street offre la possibilità di "rivendere" le prenotazioni di camere dell'hotel e Change your flight lo stesso con i biglietti aerei. Mentre esistono siti come Vacanze fai da te che danno l’opportunità di rivendere interi pacchetti.


  
Per informazioni:
Donato Notarachille  345 3114344
(responsabile comunicazione Ticketbis Italia)

donato.notarachille@gmail.com

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Deltaplano azzurro per la nona volta sul tetto del mondo.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Naro (AG) fra miti e leggende.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.