Sono gli italiani gli europei più interessati alle corride.

Édouard ManetCorrida

Il 50% dei biglietti per spettacoli taurini in Spagna venduti su Ticketbis sono stati acquistati da utenti italiani.


Madrid, 4 aprile 2014 – Secondo i dati del Ministero dell’Educazione della Cultura e dello Sport spagnolo, il numero delle manifestazioni taurine celebrate in Spagna nel 2012 è calato del 13%. Anche il mondo degli spettacoli taurini ha quindi subito in maniera evidente le conseguenze della crisi economica e al netto di questa flessione il Governo spagnolo ha attuato misure per tutelare uno dei simboli culturali più tradizionali del paese. Una delle iniziative dal più alto impatto mediatico è stata l’aver designato la Tauromachia patrimonio culturale spagnolo. Questa designazione celebra la cultura del toro e invita a godersi lo spettacolo della corrida non solo gli appassionati nazionali ma anche le migliaia di turisti che tutti gli anni visitano la Spagna.

Gli italiani, secondo la piattaforma web di compravendita di biglietti Ticketbis, sono gli europei più interessati ad assistere agli spettacoli taurini. Il 50% dei biglietti delle corride in Spagna venduti attraverso questo sito sono stati acquistati, infatti, da utenti italiani. Non c’è da stupirsi che gli abitanti del Belpaese sentano una speciale inclinazione per la tauromachia e gli spettacoli taurini, visto che in un passato non troppo remoto questo genere di eventi venivano celebrati anche in Italia e Roma fu lo scenario dell’ultimo spettacolo di tori il 6 luglio del 1924, prima che un decreto legge del 1940 li vietasse.
“La domanda di biglietti da parte degli appassionati spagnoli supera di gran lunga il numero di utenti stranieri che vengono in spagna con un biglietto per una corrida nella propria valigia, però l’interesse per questo tipo di eventi è in aumento sia a livello europeo che internazionale”, commenta Ander Michelena, co-fondatore di Ticketbis.
Secondo Ticketbis, sono molti gli appassionati che viaggiano verso la Spagna per assistere ai principali spettacoli taurini, anche dall’America Latina. Il trend registrato dalla piattaforma di compravendita online mostra gli aficionados latinoamericani più fedeli alla Plaza de Toros de las Ventas a Madrid mentre gli appassionati europei preferiscono la Feria de Abril di Siviglia.


La sfera digitale della tauromachia

Sulla rete non soltanto la vendita dei biglietti per assistere agli spettacoli taurini è riuscita a ritagliarsi un suo piccolo spazio. Anche altre attività commerciali che ruotano attorno al mondo dei tori, come la vendita di souvenirs, utilizzano la rete come un canale di comunicazione che permette loro di arrivare agli utenti di tutto il mondo. Per esempio, sulla pagina web Torobull è possibile acquistare uno dei manifesti esposti nelle arene di qualsiasi parte del mondo.
Una delle feste taurine più celebri a livello internazionale, la corsa dei tori di San Fermín, fa lo stesso attraverso il sito SanFermin.com grazie al quale è possibile noleggiare un balcone, cercare una camera d’albergo a Pamplona e accedere a molte delle esperienze collegate a questa festa popolare.  

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.