"I ru viddrani" di Francesco Toscano - Capitolo Cinque.


 I ru viddrani
di Francesco Toscano

Questo libro è un’opera di fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono frutto dell’immaginazione dell’autore o sono usati in maniera fittizia. Qualunque somiglianza con fatti, luoghi o persone reali, viventi o defunte, sono del tutto casuali.

Cinque.

 “Ù pastranu”, dopo aver fatto una ricca colazione, con un uovo e pancetta, succo di frutta d’ananas, caffè nero bollente, e aver fumato una delle prime sigarette della giornata, prelevò con cura il quotidiano che si trovava poggiato sulla credenza della stanza da pranzo, cominciandolo a sfogliare e a leggerlo con attenzione. A Don Ciccio, in particolare, interessavano tutti i fatti di cronaca che avessero avuto attinenza con le vicende “ra sò famigghia”.
Nell’articolo di spalla della prima pagina, tale Nuccio De Giorgis, un cronista locale, così scriveva: «Palermo, 10 marzo 2014. È stata accoltellata ieri pomeriggio in pieno centro a Palermo, in via Dante, a due passi dal Teatro Politeama, Ingrid Doroteea Romanescu, badante romena di trentacinque anni. A ucciderla sarebbe stato, nel corso dell’ennesima lite, il marito - anche lui cittadino romeno - con cinque coltellate all’addome. I due non vivevano più sotto lo stesso tetto da un po’ di tempo, ma l’uomo, quarantuno anni, non aveva mai accettato di essere stato lasciato e non era la prima volta che pedinava e malmenava la moglie. Nonostante fossero già state avviate le pratiche per la separazione, il marito continuava a perseguitare la 35enne intimandole di lasciare il lavoro. Fino al triste epilogo di ieri. Secondo quanto raccontato da alcuni testimoni oculari l’omicida, dopo aver estratto il coltello da una tasca, ha colpito la donna e l’ha lasciata in una pozza di sangue prima di scappare a piedi. Una telefonata anonima ha poi avvisato il 113. Quando è arrivata l’ambulanza, Ingrid Doroteea Romanescu era ancora viva, ma è deceduta pochi minuti dopo il suo arrivo in ospedale. Il marito, ricercato con l’accusa di omicidio volontario, è ancora irreperibile.»
«Fofò? Fofò? Fofoooò!» Gridò Don Ciccio nell’intento di far accorrere con urgenza il suo fidato servitore all’interno della stanza in cui si trovava.
«Chi succiessi? Chi succiessi Don Ciccio?» Fofò arrivò di corsa. Dopo essersi sincerato che nulla di grave fosse accaduto al suo amato “padrino”, che spesso avrebbe voluto emulare, non avendone tuttavia il coraggio, gli chiese: «M’avi a cumannari?»
Don Ciccio rispose:
«Da  buttana ri Ingrid, ti ricuordi chidda ca ngannò a Mimì Sinatra, no 2006, arrubannugli tuttu l’ùoru e l’argìentu, muriu. Ricuordati, Fofò, ca chista è a fini chi fannu i buttani e i trarituri. Nun tu scurdari!»
Fofò, a quell’esternazione di Don Ciccio, chinò il capo in segno di rispetto e, dopo essersi avvicinato al suo padrone, gli baciò il dorso della mano destra, in segno di devozione.
Dopo aver rassicurato Don Ciccio che mai e poi mai lo avrebbe potuto tradire, piuttosto Dio lo avrebbe dovuto fare morire schiacciato da un Tir in corsa, Fofò chiese licenza di potersi allontanare per riprendere le sue faccende quotidiane, consistenti nel dar da mangiare ai cani da caccia che si rincorrevano guaendo per i viali della villa, strigliare e dar da mangiare al purosangue che si trovava nella stalla attigua alla cantina della villa e, infine, ma non meno importante, prendersi cura dell’orto di villa Vassallo.
Don Ciccio, dopo essersi sincerato che il suo devoto Fofò non lo avrebbe mai e poi mai tradito, gli disse che poteva andare; prima, però, gli ordinò di portargli le pillole della pressione che, oramai da circa cinque anni, era costretto a ingurgitare.
Ingrid Doroteea Romanescu, era nata a Born, in Romania, alla fine del 1979, da padre e madre contadini, scriveva Nuccio De Giorgis nell’articolo della terza pagina del quotidiano che Don Ciccio, con tanta bramosia, stava leggendo.
Seconda di cinque fratelli, continuava nel suo articolo il De Giorgis, alla fine del 2001 era riuscita a entrare in Italia con un visto turistico, rimanendovi a vivere da clandestina (la Romania, infatti, era entrata a far parte dell’U.E. l’1 gennaio 2007), e occupandosi negli ultimi anni della sua breve vita di assistere, in qualità di badante, alcuni anziani residenti nella provincia di Agrigento.
Di bella presenza, occhi neri, capelli corvini, fisico atletico, e un paio di gambe che quando gli uomini le guardavano perdevano il fiato, Ingrid era ben presto entrata nelle grazie di molti compaesani di Don Ciccio, riuscendo, il più delle volte subdolamente, con raggiri raffinatissimi, degni di una mente criminale brillante, a impossessarsi prima della loro morte di tutti i loro averi.
Così facendo, andando di casa in casa, come è solito fare un predatore famelico, dopo la morte dei vecchietti di cui si era presa cura, era riuscita a intrufolarsi nella vita di Domenico Sinatra.
Questa era stata la sua sventura che l’avrebbe, nel giro di pochi anni, portata alla morte.
Ingrid era riuscita, così facendo, a racimolare una buona somma di denaro, circa cinquantamila euro, che ben presto le sarebbero serviti per rientrare in patria e lì condurre una vita agiata, come una gran signora.
Signora, con la “S” maiuscola, Ingrid non lo era mai stata.
Giunta in Italia, infatti, non riuscendo da subito a trovare lavoro e dovendo mangiare per sopravvivere, si era rivolta ad alcuni suoi connazionali che, approfittando di lei e del suo stato di bisogno, sotto minaccia di rispedirla a raccogliere il letame degli animali della fattoria rumena da cui proveniva, dopo averla stuprata, l’avevano costretta a prostituirsi.
Ridotta ben presto in schiavitù, così come altre donnine sue connazionali, la poveretta, dopo qualche anno che era stata costretta a vendere il suo corpo per denaro, era riuscita a estinguere il suo “debito da clandestina”, togliendosi definitivamente dalla vita di strada e dal malaffare.
Dedicatasi agli anziani in qualità di badante, un errore Ingrid lo aveva fatto durante la sua permanenza in Sicilia: l’essersi scontrata, e schierata apertamente, contro Don Ciccio “ù pastranu” e contro i suoi accoliti.
Alla fine del mese di gennaio del 2006, infatti, Fofò Macchiarella, uomo di fiducia di Don Ciccio, era riuscito a mettersi sulle sue tracce e su quelle del suo amante, Paul Dominescu, nell’intento di venire in possesso di tutto l’oro e l’argento che i due giovani amanti avevano asportato a don Mimì Sinatra.
Nei primi giorni del mese di febbraio del 2006, nel quartiere San Siro di Milano, dopo che Fofò e Marco Guarraggiano, inteso “ù bombetta”, per via di alcuni fetidi rumori che fuoruscivano dal suo deretano, erano riusciti a rintracciare Ingrid e il suo uomo, avevano richiesto loro di riconsegnare tutto l’oro e l’argento che avevano asportato al Mimì durante la loro permanenza in Sicilia; Ingrid, nell’occorso, aveva avuto il barbaro coraggio di rispondere a Fofò: «..digli al tuo padrone di farsi fottere!»
Un tale affronto non poteva essere tollerato da Don Ciccio.
Fofò e Marco dissero ai due giovani amanti che avrebbero riferito dell’accaduto a Don Ciccio e che sarebbe stato meglio per loro che fossero spariti dalla faccia della Terra. Riscesi d’urgenza in Sicilia, a bordo di un aereo di linea Alitalia, il Fofò e Marco raccontarono dell’accaduto a Don Ciccio; questi, appreso i fatti, aveva ordinato loro: «Pigghiati dâ buttana e tagghiatici a tiesta!»
Non passò molto tempo prima che quel desiderio di Don Ciccio venisse esaudito.
La punizione di Ingrid, a dir di Don Ciccio, non poteva che essere la pena capitale; non era possibile, infatti, che una donna, e soprattutto una puttana, sfidasse un capo mafia dal pedigree di Don Ciccio in tal guisa.
Ma commettere un omicidio non sarebbe stato così facile; di ciò Don Ciccio e i suoi uomini erano pienamente convinti.
La Commissione Provinciale, formata dai capi dei mandamenti mafiosi dell’agrigentino, non avrebbe autorizzato un omicidio di una donna, benché fosse una puttana che si era permessa il lusso di offendere l’onore “ru pastranu”.
«Don Ciccio, vuatri u sapiti quantu vi stimu, ma n’omicidiu, ri na fimmina, puoi, unn’è cuosa ri pocu cuntu…» Disse Fofò a Don Ciccio, che in un momento di maggior lucidità mentale annuì a quella osservazione proferita dal suo fedele servitore.
«N’aviti a rari nu puocu ri tiempu, ca sta facenna a sistimamu nuautri, in maniera pulita, pulita, senza fari troppu scrusciu!» Continuò Fofò, sempre più amareggiato di doversi schierare apertamente contro il volere dell’anziano capo mafia.
Don Ciccio rifletté qualche minuto e, alle contestazioni mossegli dal Fofò, disse: «Fofò, pigghiati tuttu u tiempu ca ti sierbi, m’ammazza ru viermi ri Ingrid.. a costu ri finiri ‘npriciuni. L’ammazzari!»

Fofò non replicò; se ne rimase in silenzio. Baciò le mani di Don Ciccio e, così com’era entrato in quella stanza, se ne andò, senza mai voltarsi.

 Francesco Toscano
Al prossimo post!
Stampa il post.

I Post più popolari

SOLIDARIETA’ IN SICILIA, LA DELEGAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MISSIONARIO INTERNAZIONALE ONLUS "E TI PORTO IN AFRICA" REALIZZA UNA IMPORTANTE PIANTAGIONE DI CACAO PER LA SOPRAVVIVENZA DI FAMIGLIE POVERE IN COSTA D’AVORIO.

Le origini del nome della città di Palermo.

LA NORMAN ACADEMY SICILIA DONA MATERIALE DIDATTICO AI BIMBI DEL GHANA.

Recensione del romanzo giallo "L'infanzia violata", di Francesco Toscano, redatta dalla lettrice Maria Giulia Noto.

Raccolta fondi pro Africa, nell'ambito della campagna di sensibilizzazione dell’Associazione Onlus ‘E ti porto in Africa’.

Festa dell'inclusione a ItaStra. Si presenta il progetto FAMI.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

IL TEATRO “MASSIMO” DI PALERMO

La condizione della donna nell'Ottocento.

Il blog "Sicilia, la terra del Sole", compie 10 anni di vita; un grazie ai suoi lettori e a quanti hanno creduto nel lavoro del suo webmaster.