Inclusione sociale. A Cinisi l'arte rompe le barriere dell'handicap.

23 agosto 2015.

ComunicART, l’arte che rompe le barriere.
Si sono concluse oggi le attività dello scambio internazionale ComunicART, organizzato a Cinisi presso l'ecovillaggio "Ciuri di campo" dall'associazione InformaGiovani. 28 ragazzi e ragazze sordi e udenti di Armenia, Italia, Macedonia e Polonia si sono dati appuntamento per sperimentare l'uso dell'arte e dell'espressione non verbale come strumento di comunicazione. Durante gli ultimi 10 giorni hanno realizzato laboratori di teatro, di musica, di fumetto e di video, organizzando una performance a conclusione del progetto. Non è mancato ovviamente il contatto con il territorio ed una parte di studio sulla realtà locale, a partire dalla storia di Peppino Impastato, con la visita alla "Casa memoria" e con incontri con i rappresentanti di alcune cooperative che gestiscono terreni confiscati alla mafia. Il progetto, che è stato supportato dall'Agenzia Nazionale per i Giovani con il programma comunitario Erasmus Plus, ha permesso a tutti i ragazzi udenti coinvolti di apprendere le basi della lingua dei segni del proprio paese, vedendo i ragazzi e le ragazze sorde nella veste di "insegnanti". Per maggiori informazioni si può contattare Monica Valenti, coordinatrice del progetto, al numero 320.8585168.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.

Le Chiese di Palermo: Santa Caterina Vergine e Martire.