ISTITUTO ZOOPROFILATTICO: Cento studenti stranieri alla liberazione di 4 tartarughe.


L’appuntamento è domani, alle 13, nella caletta di Sant’Erasmo, al Foro Italico
Costanza, Ruggero, Enrico e Guglielmo tornano in mare
Novanta studenti stranieri alla liberazione di 4 tartarughe Caretta caretta
Sono tirocinanti di Medicina di tante parti del mondo, ospiti dell’Ateneo e dello Zooprofilattico 
Parteciperanno il sindaco Orlando, il rettore Micari e l’assessore regionale alla Salute Gucciardi 


PALERMO. L’attività scientifica dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia e dell’Università di Palermo riesce ad avvicinare le facoltà di Medicina di tanti Paesi devastati da guerre e divisi da scontri religiosi e ideologie politiche. Saranno novanta studenti provenienti da ogni angolo del mondo i protagonisti della liberazione di quattro tartarughe Caretta caretta, che riprenderanno il largo sotto l’occhio vigile dei biologi e dei veterinari del “Centro nazionale di recupero delle tartarughe marine”, attivo all’Istituto Zooprofilattico, che hanno curato gli esemplari marini - battezzati Costanza, Ruggero, Enrico e Guglielmo - trovati dalle Capitanerie di porto di Milazzo, Lipari e Siracusa. Gli studenti stranieri, in qualità di tirocinanti, per un mese frequenteranno i reparti del Policlinico e dell’ente di via Marinuzzi, nell’ambito degli scambi internazionali organizzati dal Sism (Segretariato italiano studenti in medicina), un’associazione di volontariato di livello nazionale, presente a Palermo dagli anni Sessanta.
L’appuntamento con i giornalisti è:

domani, 5 agosto
alle 13
nella caletta di Sant’Erasmo al Foro Italico
presso la “Casa lavoro e preghiera di Padre Messina”


Saranno presenti, oltre ai 90 tirocinanti stranieri, Santo Caracappa, direttore sanitario dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia, il rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, il sindaco, Leoluca Orlando e l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi.


Palermo, 4 agosto 2016

Ufficio stampa: Giuseppina Varsalona (338.8385836) 

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio, stagione amara per l'Italia.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.