Parkrun. Arriva alla Favorita la passione internazionale della corsa nei parchi urbani.

Arriva anche alla Favorita il Parkrun, il movimento internazionale di corsa non competitiva sulla distanza dei 5 km da percorrere all'interno di parchi urbani. Un primo test del nuovo percorso si è svolto, con la partecipazione di ben 39 "runner" sabato scorso 12 novembre e da domani si ripeterà, come da regola del movimento internazionale, ogni sabato alle 9 del mattino. Il Parkrun della Favorita è il secondo della nostra città, dopo quello, ormai consolidato da tempo, del Parco Uditore. In totale sono oltre 390 gli atleti di tutte le età e tutti i livelli di esperienza che a Palermo sono iscritti per praticare questa attività amatoriale, che ogni sabato coinvolge in tutto il mondo migliaia di corridori in centinaia di città di tutti i continenti.

Questo nuovo sentiero, che prevede un circuito da percorrere tre volte all'interno dell'area che gli appassionati della corsa chiamano "la Cambogia" della Favorita per la sua folta vegetazione, è stato reso possibile dalla sinergia fra Parkrun Italia, rappresentata a Palermo da Giorgio Cambiano, la Reset, i Rangers d'Italia che gestiscono la riserva naturale e il settore Verde del Comune. La pioggia caduta nelle ultime ore, a detta dei corridori, anche se rende il percorso un po' più accidentato, ne aumenta notevolmente il fascino proprio per l'attraversamento di un'area particolarmente bella del parco della Favorita.

Come da tradizione, l'appuntamento palermitano di Parkrun ha visto la presenza di corridori stranieri, sempre presenti ad ogni corsa settimanale. Nel caso della Favorita, è stata l'atleta slovacca Erika Orsagova a portare una ventata internazionale alla corsa, raggiungendo proprio a Palermo il traguardo delle 100 gare in 100 diverse località del mondo.

Per maggiori informazioni www.parkrun.it oppure gcambiano@virgilio.it




Cos’è parkrun? 

parkrun (sempre minuscolo ed una sola parola) è un’idea nata dalla mente di Paul Sinton-Hewitt, che permette di gestire manifestazioni podistiche di 5 km gratuite, settimanali, cronometrate, disputate localmente, il sabato mattina. Le manifestazioni vengono organizzate da gruppi di volontari locali in ambienti gradevoli e protetti - generalmente parchi cittadini - e sono aperte a tutti, indipendentemente da età, sesso, razza, religione, politica e abilità. Le persone disabili possono partecipare ai parkrun ovunque siano predisposte le condizioni minime per garantire la loro sicurezza.  
Per diventare parkrunner bisogna registrarsi una sola volta nella vita sul sito parkrun.it e scaricare il proprio codice a barre - da allora in poi si può partecipare a qualsiasi manifestazione parkrun nel mondo. 
parkrun consente la registrazione e fornisce risultati, statistiche, foto e notizie attraverso il sito web www.parkrun.com e www.parkrun.it. 
Ogni evento ha poi un proprio minisito all'interno del sito web.
Ove possibile, ogni evento offre un punto di incontro post-corsa (caffè, bar, pub) per consentire a corridori, volontari e sostenitori di incontrarsi e socializzare dopo l'evento.

Dove è possibile trovare una manifestazione parkrun?
Attualmente (Novembre 2016) parkrun è presente in quattordici paesi: Australia, Canada, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Nuova Zelanda, Polonia, Russia, Singapore, Stati Uniti, Sud Africa e Svezia. In Gran Bretagna, il 2 ottobre 2004, viene organizzato il primo incontro a Bushy Park, Teddington, alla presenza di 13 corridori e 4 volontari. Da allora, i luoghi dove è possibile partecipare ad un evento parkrun nel mondo sono cresciuti esponenzialmente fino a superare le 900 unità. 
La registrazione a parkrun permette la partecipazione a qualsiasi evento nel mondo. È sufficiente cercare nel sito il luogo più vicino e presentarsi il sabato mattina con il proprio codice a barre.

La situazione in Italia
Nel marzo 2014, dopo un incontro con Paul Sinton-Hewitt, Giorgio Cambiano ha avuto affidato l’incarico, in qualità di Country Manager (CM), di attivare parkrun in Italia. Il primo evento è stato organizzato a Palermo, presso il parco Uditore, il 23 maggio 2015. Da allora, ogni sabato, alle 9.00, viene organizzato Uditore parkrun, alla presenza di vari corridori (parkrunner) e volontari. Il 4 giugno 2016 si è aggiunto, in Italia, l’evento Marecchia parkrun, organizzato ogni sabato mattina al parco Marecchia di Rimini e, dal 24 settembre, anche Milano ha la sua parkrun: Milano Nord parkrun, presso il parco Nord. Il 12 novembre è stato inaugurato il secondo evento a Palermo ed il quarto in Italia: Favorita parkrun, nello splendido parco della Favorita. Il tutto viene gestito attraverso i siti web parkrun.it, parkrun.it/uditore, parkrun.it/marecchia, parkrun.it/milanonord e parkrun.it/favorita dove vengono caricati i risultati di ogni evento, i nomi dei volontari coinvolti e le news aggiornate sugli ultimi avvenimenti parkrun.
La responsabilità dell’organizzazione settimanale è affidata ad un gruppo di volontari (core team) che ha anche il compito di fornire, al termine di ogni evento, le notizie e i risultati da caricare sul sito web, di prevedere la partecipazione dei volontari ed i loro ruoli, di pubblicizzare l’attività di parkrun e segnalare eventuali annullamenti per cause di forza maggiore. Il core team è anche responsabile di trasmettere al sistema centrale di parkrun global la notizia di eventuali incidenti occorsi durante l’evento, di prestare i primi soccorsi essenziali ed avvertire il pronto intervento in caso di gravi emergenze.

La Carta dell’Evento parkrun 
Le manifestazioni parkrun si svolgono ogni sabato alle 9:00 (9:30 in Scozia & Irlanda del Nord; altre zone possono avere un orario di inizio diverso). Qualora il giorno di Natale cada di sabato, può essere organizzata una manifestazione parkrun anche in tale giorno. Quando Natale e Capodanno non cadono di sabato allora è facoltativo organizzare un evento in questo giorno. Ogni altra deviazione dallo standard previsto deve essere concordata con parkrun. Ogni evento parkrun è progettato per essere auto-gestito, auto-sostenuto e auto-finanziato. Qualsiasi evento non in grado di attuare tutto ciò sarà rivisto per verificare se può continuare nella sua forma attuale. parkrun si riserva il diritto di intervenire se necessario. Mentre molti eventi partono grazie alla dedizione e alla perseveranza di un singolo individuo, è meglio per la sopravvivenza dell’evento se viene portato avanti da un gruppo di organizzatori, e perciò bisogna nominare un comitato che si intitoli e gestisca tutti gli aspetti della manifestazione. 
Questo di solito avviene entro 3 mesi dalla partenza dell'evento. 
Per qualificarsi come membro del comitato un volontario dovrebbe possedere una serie di caratteristiche fondamentali:  
Essere appassionato ed incarnare lo spirito di parkrun. 
Essere convinto della crescita di parkrun e dell'evento.  
Essere appassionato della sostenibilità dell'evento e di tutti i rapporti connessi con le parti interessate associate all'evento. 
Mostrare un atteggiamento aperto e inclusivo verso tutti.  
Saper lavorare in team. 
Essere responsabile.  
Deve lavorare con parkrun alla risoluzione di tutte le questioni. 
Il comitato gestisce tutti gli aspetti dell'organizzazione di eventi.
Questo include ma non si limita a: 
Questioni di salute e sicurezza.
Comunicazione e gestione di tutte le questioni ufficiali di parkrun. 
Gestione delle autorizzazioni.
Iniziative di pubbliche relazioni, tra cui anniversari degli eventi e simili.
Gestione dei volontari. 
Gestione dei risultati. 
Contenuti del sito web. 
Un comitato dovrebbe contenere non più di 6 membri e dovrebbe essere composto da esponenti della comunità locale. 
Il comitato è gestito dal Direttore di Evento. 
Alcuni eventi trovano più facile assegnare specifiche responsabilità ai membri del comitato, ma questo non è essenziale – i comitati di molti altri eventi consistono di membri senza specifiche responsabilità ed i compiti sono suddivisi a seconda dei casi tra i membri. parkrun non prescrive particolari regole in merito e sollecita eventi diversi a trovare il modello più adatto alle proprie esigenze.  
È responsabilità del comitato assicurarsi che l'evento mantenga un’offerta professionale coerente con lo standard parkrun costruendo squadre di volontari in grado di rispondere alle diverse responsabilità assegnate loro. 
Il Direttore di Evento deve essere un giocatore di squadra e deve favorire un buon spirito di squadra e comunicazioni efficaci.  
Il Direttore di Evento ha la responsabilità di decidere il vincitore del mese per il premio mensile offerto dallo sponsor. L'esatto meccanismo usato per prendere una decisione equa spetta a lui (vi offriamo alcuni consigli e suggerimenti sul sito).  
parkrun interverrà sulla gestione di un evento solo nel caso in cui l'evento abbia violato i principi fondamentali di parkrun e/o la carta dell’evento.  
Come ultima soluzione, parkrun si riserva il diritto di richiedere l’allontanamento di un membro del team di volontari se si ritiene che abbia avuto un approccio negativo nei confronti della squadra o di parkrun.

Le responsabilità di un Evento parkrun 
Ogni evento parkrun fa parte di una più grande famiglia di eventi. I Direttori degli eventi hanno la responsabilità di assicurare che il loro evento sia conforme ai principi e al format di parkrun.  
Il Direttore di corsa, il Direttore d’Evento e i membri del comitato devono sempre mettere al primo posto la salvaguardia del volontario e del partecipante al parkrun, modificando o cancellando un evento qualora la sicurezza delle persone coinvolte sia indebitamente messa a rischio.  
Quando si annulla un evento, deve essere fatto ogni sforzo per comunicare alla comunità attraverso le pagine web dell'evento, Facebook e Twitter.  
I risultati delle manifestazioni devono essere comunicati a parkrun il più presto possibile dopo che l'evento ha avuto luogo. In caso di ritardo o se si verifica un problema, allora l'evento deve comunicare questo ritardo a parkrun il giorno stesso. 
I team dell’Evento locale possono fornire correzioni dei risultati in maniera continua per tutta la settimana. È preferibile che tutte le correzioni vengano fatte entro il giovedì successivo alla manifestazione.  
Gli organizzatori devono pubblicare una relazione della corsa sulla loro pagina delle news entro la fine del terzo giorno dopo lo svolgimento dell’evento. 
Gli organizzatori hanno la responsabilità di assicurarsi di avere abbastanza volontari per gestire i loro eventi. Qualora non ci siano sufficienti volontari disponibili nel giorno della corsa il team non dovrebbe dare inizio alla corsa fino a quando il numero richiesto di volontari non si sia reso disponibile. 
Gli organizzatori hanno la responsabilità di tenere aggiornato il sistema software di parkrun. 
Gli organizzatori non possono installare il software parkrun su altri computer senza ottenerne prima il permesso.  I parkrunner o gli spettatori possono chiedere di rimuovere delle foto dal sito parkrun, dalle pagine ufficiali di Facebook, o da un altro sito ufficiale recante fotografie - Il team dell’Evento e/o parkrun sono responsabili della rimozione di queste foto quando richiesto. 
I resoconti della corsa, le e-mail e i messaggi ufficiali Facebook/Twitter devono essere scritti in modo rispettoso, che riflette il modello parkrun e con un atteggiamento inclusivo. 
Gli Eventi devono essere conformi alle linee guida fornite nei confronti dei bambini. I ragazzi sotto i 13 anni dovrebbero essere incoraggiati a non correre ogni settimana e dovrebbero correre per divertimento.  
Nessun materiale pubblicitario con il marchio parkrun (compresa la parola "parkrun") può essere prodotto senza previa approvazione da parte di parkrun. Linee guida sul marchio sono disponibili sul wiki parkrun. 

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

In Sicilia abbondano da sempre i cereali.

IL MIRTO: TRA BACCHE, RAMI E FOGLIE IL PRINCIPE DI LIQUORI E MARMELLATE.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Parapendio acrobatico in Friuli e team deltaplano ai mondiali in Brasile.

Le vie di Palermo: Via Roma.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo.

Naro (AG) fra miti e leggende.