School Plus, giornata sulla dispersione scolastica a Palermo.



DISPERSIONE SCOLASTICA A PALERMO
8 PROGETTI PER 23 SCUOLE E 6.500 STUDENTI
Giornata di studi sulle attività finanziate dalla Fondazione con il Sud



Palermo, 7 novembre 2016 – Otto progetti, co-finanziati dalla Fondazione con il Sud, con l’obiettivo di contrastare la dispersione scolastica a Palermo, per un totale di 23 scuole interessate in 17 quartieri diversi, 6.500 studenti tra i 6 e i 17 anni coinvolti, 520 docenti, 500 famiglie, 43 enti del terzo settore e 10 enti pubblici. Sono questi i numeri dell’attività delle reti di partenariato attivate nel capoluogo siciliano nell’ambito del bando “Educazione dei Giovani 2013”, promosso dalla Fondazione con il Sud.

Per discutere dei risultati finora raggiunti e delle prossime sfide si è tenuta oggi “School Plus”, una giornata di studi sul tema dell’inclusione scolastica, organizzata da Libera Palermo e dal Cesie presso il centro diaconale “La Noce” di Palermo. Un seminario che ha visto la partecipazione di esperti del settore e addetti ai lavori e l’intervento, tra gli altri, del presidente della Fondazione con il Sud Carlo Borgomeo, dell’assessore alla Cittadinanza sociale del comune di Palermo Agnese Ciulla e del Garante per l’infanzia e l’adolescenza del comune di Palermo Pasquale D’Andrea.

Dibattiti, videointerviste e tre tavoli tematici che hanno fatto il punto sui risultati raggiunti dagli otto progetti nel campo della lotta alla dispersione scolastica che, in Italia, riguarda il 17,6% dei giovani (circa 750 mila ragazze e ragazzi), contro una media europea del 12,8%: cifra che in termini economici costa 70 miliardi di euro l’anno al nostro Paese, pari al 4% del Pil. A Palermo, fra scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado, la dispersione scolastica riguarda il 25,4% degli alunni.

“Fare rete è mettere insieme le risorse positive di una comunità per produrre cambiamento, anche nei territori più difficili e anche quando il ‘nemico’ da combattere sembra troppo forte – ha detto Borgomeo - Queste otto esperienze palermitane ci dimostrano che tutto ciò è vero. Collaborare per cercare soluzioni possibili, condividendo idee, progettualità, conoscenze, talenti è la strada giusta da percorrere per affrontare ad armi pari fenomeni pesantissimi come l’abbandono e la dispersione scolastica, vere piaghe sociali per Palermo e la Sicilia, come per tutto il nostro Sud. Lavorare insieme per il futuro dei nostri giovani è un atto non solo giusto, ma dovuto: non possiamo pensare di cambiare le cose, di creare sviluppo, di avere società giuste e “pulite” se abbandoniamo a se stesse le nuove generazioni. Sarebbe opportuno che questa diventi una priorità per la politica. Siamo e dobbiamo sentirci tutti responsabili della crescita dei nostri ragazzi, tenendo bene a mente che solo le comunità che si prendono cura del loro benessere possono avere solide basi per costruire il proprio futuro”.
“Lavorare insieme e fare rete è l'obiettivo della nostra amministrazione - ha detto l'assessore Ciulla - grazie alla Fondazione con il Sud che, come altre fondazioni, ha investito meglio e più velocemente delle istituzioni nel campo del sociale. La dispersione scolastica è un fenomeno che nasce in situazioni e contesti complessi e va affrontato con interventi strutturali di presa in carico dei bambini e delle loro famiglie. Non possiamo rischiare che i progetti finiscano e le persone restino in una dimensione assistenziale”.
Le attività della Fondazione con il Sud non si fermano qui. Mediante l’impresa sociale “Con i Bambini”, interamente partecipata dalla Fondazione, sono stati pubblicati i primi due bandi del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, dedicati alla prima infanzia (0-6 anni) e all’adolescenza (11-17 anni), per un totale di 115 milioni di euro. Le iniziative sono rivolte a organizzazioni del terzo settore e al mondo della scuola.

Dati sulla dispersione scolastica a Palermo
Secondo i dati dell’Osservatorio Provinciale sul fenomeno della dispersione scolastica a Palermo, il 25,39% degli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado si trovano in una situazione di dispersione scolastica.
Il 2,15% degli alunni ha abbandonato la scuola (0,15% primaria, 0,42% secondaria di primo grado, 1,58% di secondo grado).
L’1,63% non ha assolto l’obbligo di istruzione al compimento dei 16 anni (0,29% secondaria di primo grado, 1,34% di secondo grado).
Il 5,21% di alunni della scuola secondaria non ha avuto convalidato l’anno scolastico per le assenze (2,13% primo grado, 3,08% secondo grado).
Il 19,89% non è stato ammesso (0,7% primaria, 4,64% secondaria di primo grado, 14,55% di secondo grado).
Lo 0,6% risulta evasore dalla scuola (0,13% primaria, 0,12% secondaria di primo grado, 0,35% di secondo grado).


Ufficio stampa: Roberto Immesi – 328/8881065 - robertoimmesi@gmail.com

I Post più popolari

SOLIDARIETA’ IN SICILIA, LA DELEGAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MISSIONARIO INTERNAZIONALE ONLUS "E TI PORTO IN AFRICA" REALIZZA UNA IMPORTANTE PIANTAGIONE DI CACAO PER LA SOPRAVVIVENZA DI FAMIGLIE POVERE IN COSTA D’AVORIO.

Le origini del nome della città di Palermo.

LA NORMAN ACADEMY SICILIA DONA MATERIALE DIDATTICO AI BIMBI DEL GHANA.

Recensione del romanzo giallo "L'infanzia violata", di Francesco Toscano, redatta dalla lettrice Maria Giulia Noto.

Raccolta fondi pro Africa, nell'ambito della campagna di sensibilizzazione dell’Associazione Onlus ‘E ti porto in Africa’.

Festa dell'inclusione a ItaStra. Si presenta il progetto FAMI.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

IL TEATRO “MASSIMO” DI PALERMO

La condizione della donna nell'Ottocento.

Il blog "Sicilia, la terra del Sole", compie 10 anni di vita; un grazie ai suoi lettori e a quanti hanno creduto nel lavoro del suo webmaster.