I Gesuiti a Palermo e la Chiesa del Gesù.

Palermo, Casa Professa
11 Novembre 2010.

I Gesuiti giunsero in Sicilia nel 1549 e pochi anni dopo, nel 1564, fondarono la Chiesa del Gesù, con forti sovvenzioni del governo spagnolo. Si ritiene che il progetto sia di Giovanni Tristani. L'edificio, che sorge nella piazza di Casa Professa, è stato più volte ampliato e modificato, già prima della fine del Cinquecento, ma ha sostanzialmente mantenuto la struttura iniziale, almeno fino alla seconda guerra mondiale. Con i bombardamenti del 1943, la chiesa subì gravi danni: nel dopoguerra essa fu parzialmente ricostruita e con gli ultimi restauri ha ripreso il suo aspetto originario.

La facciata è semplice e si articola su due ordini di lesene: sulla parte bassa risalta il rosso delle membrature. Sopra il portale di mezzo, custodita in una nicchia, sta una pregevole scultura del Settecento, che rappresenta la Madonna della Grotta. L'interno - a croce latina e a tre navate - rappresenta un esempio prezioso dell'arte barocca in Sicilia: è particolarmente ricco e sfolgorante per gli stucchi e le sculture del Gagini, del Benzoni e del Vitaliano, per gli affreschi di Filippo Randazzo, e per le tele di Pietro Novelli. Stupendi e suggestivi gli intarsi ottenuti con marmi colorati. La sacrestia conserva notevoli armadi del Seicento, finemente intagliati. Dal sontuoso cortile barocco, si accede alla biblioteca comunale.

La Chiesa del Gesù, nota anche come Casa Professa, è una delle più importanti chiese barocche di Palermo e dell'intera Sicilia.

I Gesuiti iniziarono nel tardo Cinquecento la costruzione della chiesa annessa alla casa madre (Casa Professa), una delle più spettacolari chiese della Sicilia.

La grande costruzione, in un primo momento, si presentava ad unica navata con ampio transetto e ampie cappelle laterali. Agli inizi del Seicento, per adeguarla alle esigenze di grandiosità tipiche dell'architettura gesuita, su progetto di Natale Masuccio vennero abbattuti i muri divisori delle cappelle, ottenendo così tre navate. La consacrazione della grande chiesa avvenne nel 1636. Durante il secondo conflitto mondiale una bomba s'abbatté proprio sulla cupola della chiesa che, nel suo crollo, trascinò con sé tutte le zone ad essa vicine e naturalmente andò perduta gran parte delle pitture del presbiterio e del transetto. Quando si volle restaurare l'edificio si procedette alla riesecuzione degli affreschi perduti con aggiunte arbitrarie e gusto poco felice.

L'addobbo interno – “le cui pareti sono coperte da marmi, da tarsie, da statue e da arabeschi senza fine, che debbono aver costata immensa copia di danaro agli ambiziosi Lojolei (da Ignazio di Lojola) i quali ogn'altro tempio vollero mai sempre offuscare nella città colle loro magnifiche chiese” (C. Castone, Viaggio della Sicilia, 1793) – costituisce un importante esempio di fusione tra architettura, pittura e decorazione plastica. Particolarmente vivace è la decorazione a mischio, cioè a tarsie marmoree pregiate, composte a motivi floreali o figurati. Nel romanzo Il Gattopardo viene ricordata una visita a Casa Professa di don Pirrone, il prete di casa Lampedusa, durante una passeggiata palermitana in carrozza del Principe.

Riguardo alla decorazione a marmo mischio dell'abside di Casa Professa, “rappresenta indubbiamente l'apporto più significativo e originale della cultura artistica siciliana alla civiltà del barocco europeo; integrazione dinamica tra architettura, scultura e pittura, secondo la prassi e l'estetica secentesche, animazione ipertrofica di colori e immagini (“in guisa che senza pennello sembra opera di pennello” scrive il Mongitore). Addobbo teatrale articolato attraverso ricchi e complessi sistemi concettuali, la decorazione a mischio e a tramischio (con parti a rilievo) è anche il genere dove con maggiore chiarezza si coglie il carattere distintivo del barocco siciliano: una collaborazione tra architettie scultori, marmorari e pittori che spesso stabilisce confini assai labili tra le diverse categorie d'artigiani, e che anzi su questa ininterrotta continuità di mestieri fonda la dimensione trionfante del grande cantiere della Palermo barocca, dalla seconda metà del Seicento ai primi decenni del Settecento.

Un'attività così intensa e prolungata esigeva la specializzazione d'intere botteghe spesso a conduzione familiare, e un'organizzazione del lavoro dove il programma concettuale fosse affidato, con una distinzione menzionata nei documenti, a marmorari, a scultori e architetti. Ma aldilà dell'animazione brulicante e della ripetizione a moduli verticali derivata dalle grottesche rinascimentali e manieriste, la decorazione a mischio trovava, proprio nella composizione simbolica e dottrinale, la propria unità e il controllo di una vasta iconografia che recepiva ed elaborava un repertorio a cui l'ordine dei Gesuiti aveva dato, lungo tutto il Seicento, un contributo fondamentale recuperando il valore didascalico di molte figure ed episodi dell'arte medievale ed elaborando i modelli proposti da Ripa nella sua Iconologia.

La chiesa dei Gesuiti di Casa Professa rappresenta in questo senso l'esempio più complesso e grandioso, il più unitario nella volontà di sottoporre l'intera decorazione a mischio, gli scultori e gli architetti che negli stessi anni prestavano la loro opera ad altre chiese e cappelle, sono chiamati ad approntare il ripetitivo ma variegato repertorio d'immagini ed ornamenti all'esaltazione dottrinale e a ribadire la potenza dell'ordine”.

La parte più spettacolare dell'edificio è forse la tribuna dell'abside, ornata dall'Adorazione dei Pastori (1710-1714) e dall'Adorazione dei Magi (1719-1721), bassorilievi marmorei posti sulla tribuna, di Gioacchino Vitagliano su modelli di Giacomo Serpotta.

Di particolare rilievo è l'organo. Costruito nel 1954 dalla ditta Tamburini di Crema; uno splendido strumento da concerto a 4 tastiere e pedaliera a raggiera. Oltre le 4000 canne ne impongono il rilievo nell'ambito degli strumenti da concerto nel panorama cittadino. Organista di rilievo Carlo Messina sj ora diventato religioso Gesuita da 3 anni.

Nel 1892 il cavaliere Salvatore Di Pietro sj, già rettore di Casa Professa con decreto del 1888, nonché filantropo, prefetto di studio al seminario, membro del Collegio Teologico e dell'Accademia di scienze, lettere e arti e di quella di storia patria, ottiene tramite il ministro della pubblica istruzione Paolo Boselli che il tempio venga dichiarato monumento nazionale.
La Chiesa di Casa Professa di Palermo.
La Chiesa di Casa Professa di Palermo, navata centrale ed abside.
La Chiesa Professa di Palermo, la navata centrale.

I Post più popolari

Le origini del nome della città di Palermo.

“Una pizza per Claudio”, grande successo a Palermo.

PALERMO, AL VIA LA SERATA DI SOLIDARIETÀ ORGANIZZATA DALLA NORMAN ACADEMY SICILIA .

PALERMO:DAL 24 CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE, UNA PAGINA WEB NEL SITO DEL COMUNE.

Il romanzo breve dal titolo "Condannato senza possibilità d'appello." di Francesco Toscano, in vendita al prezzo di € 8,50 presso il portale internet http://ww4.photocity.it/.

La chiesa dell'Immacolata Concezione di Palermo, nel quartiere Capo: un gioiello dell'arte barocca.

Le Alpi protagoniste della stagione di volo in parapendio.

La Chiesa di San Francesco d'Assisi di Palermo.

Piazza Marina, una delle piazze del centro storico di Palermo situata nel quartiere della Kalsa o Mandamento Tribunali.

Storia delle Sante Patrone di Palermo. Seconda parte.